Stampa

Scuola: alla Pisacane,presepe con moschea e donne in chador al posto dei pastor

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2007

"Il presepe è stato 'ribattezzato' ''villaggio globale'', accanto alla stalla di Ges? Bambino troneggia una Moschea, i pastori sono scomparsi per fare spazio a donne in chador, gli alunni sono praticamente costretti a partecipare al Ramadam. Quando escono hanno indosso un cappello con scritte anti-israeliane del tipo "Io non consumo per la guerra, non comprare i prodotti israeliani per non finanziare l'occupazione dei territori palestinesi"'. 

Non accade nel centro sociale Gramigna di Padova, ma nella scuola elementare e per l'infanzia, Carlo Pisacane "di Roma". E' quanto denuncia il deputato di Alleanza nazionale, Fabio Rampelli, primo firmatario di un'interrogazione al ministro dell'Istruzione Giuseppe Fioroni dopo la censura subita per mano del Municipio 6 del Comune di Roma e delle autorità scolastiche, che gli hanno impedito pochi giorni fa di visionare la scuola per riscontrare le denunce presentate da alcuni genitori.

"Durante sopralluogo  ho constatato che ben il 76% della scolaresca è costituita da alunni stranieri di religione musulmana, che in una classe ci sono 18 bambini stranieri e solo uno italiano, che molte famiglie italiane sono state costrette a scappare a causa della discriminazione subita verso la nostra identità e verso la religione cattolica, al punto che ci sono stati casi di regressione linguistica. Il crocifisso è ovviamente scomparso dalle aule, pare a causa di un malore accusato da una mamma musulmana alla sua vista, il presepe non è stato realizzato per anni e, dopo l'insistenza dei genitori, quest'anno finalmente c'è, ma si chiama 'Villaggio globale' ed è stato completato con una moschea, con donne in burka e tende indiane"

"I genitori sono disperati  perchè i bambini sono spaventati dalle donne completamente velate che portano a scuola i bimbi del Bangladesh, non hanno diritto a imparare le classiche poesie di Natale come tutti gli altri (quest'anno è stato proposto l'insegnamento di una canzone di De Gregori).

 

"In questa scuola c'è una palese violazione delle linee guida per l'accoglienza e l'integrazione degli alunni stranieri, emanate dal Ministero dell'Istruzione nel 2006 con gravissimi disagi per gli utenti. Il capitolo 1 di detta norma recita infatti: 'In presenza di fenomeni di concentrazione di studenti con cittadinanza straniera, si ritiene proficua un'equilibrata distribuzione delle iscrizioni attraverso un'intesa tra scuole e reti di scuole e una mirata collaborazione con gli enti locali (....). La costruzione di reti e coordinamenti è rilevante non solo ai fini della distribuzione, ma più in generale per la costruzione di un'offerta formativa che riduca la disuguaglianza e i rischi di esclusione sociale per tutti'".

"Comune di Roma, Municipio e autorità scolastiche  hanno fatto esattamente il contrario facendo sentire i cittadini romani ospiti a casa loro e penso che Veltroni ne debba immediatamente rispondere".

 

presepe libero.pdfVisualizza il file presepe libero.pdf

corriere presepe.pdfVisualizza il file corriere presepe.pdf