Stampa

rotesta atenei: Prodi e Mussi come i Lanzichenecchi

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2006

"Sulla ricerca Prodi ? riuscito laddove nessuno era mai arrivato, superando abbondantemente nei tagli al bilancio il tanto vituperato Governo Berlusconi: saccheggiare il futuro dei nostri giovani, distruggere nelle universit? l'entusiasmo delle ricerca e dell'impegno".



 "A nostro memoria  non si ? mai verificata nella storia repubblicana una protesta di cos? ampia portata. La decisione della Crui ? una vera e propria forma di resistenza civile contro un esecutivo che non ha esitato a dichiarare guerra all'Universit?, alla ricerca e agli studenti gi? nel luglio scorso con il Decreto Bersani".

"Oggi con questo maxiemendamento che non recepisce nulla delle richieste avanzate dal mondo accademico e dai rappresentanti degli studenti, il governo getta la maschera. Siamo all'anno zero. Parafrasando Gucciardini sul sacco di Roma a opera dei Lanzichenecchi, Prodi ha gettato tutte le cose sacre per terra aggiungendovi infiniti vilipendi".

"N? proviamo interesse per la posizione del ministro,  presunta vittima di correnti congressuali. Le vittime sono la formazione, la ricerca scientifica e i ricercatori, gli studenti universitari. Mussi dovrebbe dimettersi perch? dovrebbe rispondere alla sua coscienza e non a logiche di partito".

"Ci conforta solo sapere che  gli studenti non si arrendono di fronte a questo scempio. Stanno partendo proteste in tutta Italia. E noi saremo con loro".