Stampa

IL PUNTO

Scritto da Super User. Postato in Editoriali

Di Fabio Rampelli

A poco meno di un anno dalle elezioni politiche, il governo nazionale di centrodestra ha dimostrato di saper superare gli scogli più impervi. Ostacoli ordinari alimentati da un'opposizione arroccata su pregiudizi e guerre di religione. Macigni di eccezionale gravità: dalla gestione dell'emergenza del G8 al terrorismo internazionale, dal riassetto costituzionale alla riforma del mercato del lavoro fino all'omicidio di Marco Biagi. Mesi difficili ed entusiasmanti per la squadra di Palazzo Chigi che ha evitato il rischio della deriva buonista, da un lato, e della chiusura ermetica, dall'altro. La Destra italiana, chiamata a progettare la sintesi tra partito di governo e movimento popolare, ha saputo svolgere fin qui il suo ruolo con coerenza e impegno civile.
A poco meno di due anni dall'insediamento della Giunta Storace, il governo regionale di centrodestra ha dimostrato determinazione, spirito d'iniziativa, efficienza. A fronte di un'amministrazione consegnata sull'orlo della bancarotta, con quasi 10mila miliardi di debiti, la Casa delle Libertà ha avviato un'importante opera di risanamento senza lasciarsi tentare dalla scorciatoia dell'aumento della pressione fiscale per fuoriuscire dal dissesto finanziario, come pure hanno fatto la gran parte delle Regioni e dei Comuni d'Italia. Abbiamo puntato sullo sviluppo, in particolare cercando di foraggiare le piccole e medie aziende, dando fiducia e slancio alla produzione. Percorso perseguito con lucida volontà, nonostante la crisi congiunturale internazionale scaturita dalle conseguenze dell'attacco terrorista dell'11 settembre.
Al fianco di quest'azione amministrativa paziente e, ovviamente, ancora incompleta, si deve registrare la coerenza politica, culturale e programmatica che ci ha visto protagonisti. La nuova legge sulla famiglia è solo l'esempio più eclatante della voglia di far vincere i nostri valori e, anche attraverso le pagine di questa rivista, con la collaborazione di tutti i colleghi consiglieri e assessori, saremo qui a valorizzare ogni provvedimento che saprà trasmetterne il sapore. Buona amministrazione e fedeltà alle radici: questa la sfida che dobbiamo vincere.