Stampa

Sulla casa la sinistra ha trascurato i bisogni delle fasce popolari

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2005

"A otto mesi dalle elezioni regionali il centrosinistra parla ancora con gli stessi toni usati in campagna elettorale, nulla ? stato fatto nel frattempo sull?emergenza abitativa da Marrazzo".

"Tutto ci saremmo aspettati dalla sinistra meno che si portassero a compimento gli interessi della lobby del mattone prima di quelli delle fasce sociali pi? deboli". "A otto mesi dalle elezioni regionali il centrosinistra parla ancora con gli stessi toni usati in campagna elettorale, nulla ? stato fatto nel frattempo sull?emergenza abitativa da Marrazzo. Ancora pi? grave ? per? la constatazione che, dopo dodici anni di governo del Campidoglio, la maggioranza capitolina di centrosinistra, prima con Rutelli e poi con Veltroni, ha pensato a fare le compensazioni piuttosto che ad individuare le aree per la realizzazione delle cubature di edilizia sociale".

"Gli strumenti per coniugare i legittimi interessi dei costruttori con quelli di chi necessita di un alloggio ci sarebbero se il centrosinistra avesse la capacit? politica e creativa di affrontare la questione nella prospettiva della modernizzazione di questo settore: cambi di destinazione d?uso d?uso, frazionamenti, progetti veri di riqualificazione ambientale e recupero urbanistico, sostituzione edilizia, recupero dei centri storici, immediata erogazione dei buoni casa, diverse procedure per l?assegnazione delle case popolari che favoriscano solo e soltanto gli aventi titolo".

"Resta l?amarezza dopo otto mesi dall?insediamento di Marrazzo e dopo dodici anni di governo del Campidoglio del centrosinistra, di dover assistere a consigli straordinari richiesti da una maggioranza che piuttosto di perdersi in chiacchiere avrebbe gli strumenti per portare a soluzione questo problema".