Stampa

Sintesi per scelta unitaria candidato sindaco Cdl

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2005

"Se la Casa delle Libert? intende interpretare il sistema proporzionale nel modo peggiore e andare alle elezioni amministrative di Roma, Milano, Napoli, ecc. con tante candidature quanti sono i partiti che la compongono, va presa una decisione a livello nazionale che lo sancisca e poi occorre procedere in tutta Italia per renderla operativa". "Immagino ? sottolinea l?esponente di An - che i nostri autorevoli dirigenti regionali, in Lombardia come in Sicilia, stiano predisponendo le candidature di Alleanza nazionale per dare forza a questa teoria dell?"andare divisi per colpire uniti". Personalmente ritengo che si tratterebbe di un assurdo che ci farebbe apparire agli elettori divisi e non competitivi, sbiadendo quel punto di forza che da sempre ha contraddistinto il centrodestra rispetto alla variegata e conflittuale compagine sinistrorsa. Ma ritengo soprattutto che, se c?? una citt? dove l?andare divisi non ? neppure lontanamente ipotizzabile, questa ? Roma che, in quanto capitale d?Italia, deve indurre la classe dirigente di An, Fi e Udc a lavorare per trovare un punto di sintesi".

"Alleanza nazionale ha messo in campo con l?on. Alemanno uno dei ministri maggiormente apprezzati dai cittadini e dalle categorie produttive, dimostrando che non intende assecondare gli umori di chi preferirebbe svincolarsi dalla partita contro Veltroni e di volersi assumere per intero la responsabilit? che gli viene dall?essere il partito di maggioranza relativa della CdL.

"A questo punto ritenendo penosa e incomprensibile per gli elettori la strada di pi? candidature in ogni citt? e regione d?Italia, penso sia necessario invitare i partiti della CdL a varare in tempi rapidi le elezioni primarie, utili a garantire le legittime aspirazioni di ogni candidatura a sindaco, rispettando per? il diritto dei cittadini ad avere un programma e un candidato di coalizione".