Stampa

Pd, Rampelli: Difensori dell'ambiente? Hanno abolito la forestale

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2016

“E’ davvero sorprendente come i democrat riescano a utilizzare le parole per rifarsi una verginità sulla tutela dell’ambiente: parlano di desertificazione,  si preoccupano dell’effetto serra,  della siccità e dello scioglimento ghiacciai, si stracciano le vesti se Trump dispone la fuoriuscita degli Usa da Cop 21, l'ultimo protocollo firmato a Parigi per combattere i mutamenti climatici. A parole sono bravissimi ma poi  non si capisce cosa abbiano fatto per prevenire i roghi che hanno bruciato in pochi mesi in Italia i 27mila ettari andati in fumo in tutto l'arco del 2016... Ah, già, qualcosa il Pd ha fatto, ha abolito il Corpo forestale dello Stato”. È quanto ha dichiarato il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

Stampa

Amatrice, Rampelli: Siamo tornati, non siamo mai andati via

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2016

"Siamo felici, come Fratelli d'Italia, che l'appello del sindaco Pirozzi sia stato accolto con tanta mobilitazione da parte di tutte le forze politiche parlamentari. Noi siamo tornati non solo per senso di appartenenza a queste terre, ma anche per confermare il nostro impegno che dal 24 agosto ci ha visti presenti in tutte le forme anche con nostri volontari. Fratelli d'Italia è stato e sarà accanto alla gente colpita dal sisma fin quando l'ultimo mattone non sarà ricostruito, e l'ultimo negozio non sarà riaperto. Com'era e dov'era.
La nostra azione è stata recepita in gran parte dal Governo nella sessione parlamentare dedicata al terremoto nella quale è stata approvata la nostra mozione capostipite".
 
E' quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d'Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli durante il sopralluogo di oggi ad Amatrice con il sindaco Sergio Pirozzi.
Stampa

Veltroni-Rai, Rampelli: Gli occhi cambiano eccome, tranne quelli degli ex Pci

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2016

“La Rai riesuma gli ex Pci in grande spolvero. C’è il figlio di Siciliano, già presidente della Rai con D’Alema presidente del Consiglio,  con una cinque giorni su Rai 3 sulle magnifiche sorti e progressive dei ‘matrimoni’ gay proprio nel periodo natalizio, affinché la propaganda omosessuale abbia più chance e c’è Walter Veltroni, già vicepresidente del Consiglio e ministro dei Beni Culturali del primo Governo Prodi con la trasmissione ‘Gli occhi cambiano’. Un programma ideato cannibalizzando da sinistra la storia dell’Italia attraverso la tv. Di questi due autori, prescelti sulla base di una selezione altamente professionale e meritocratica..., non sapevamo nulla: è il loro curriculum che parla…Alla faccia di tante risorse inesplorate che la Rai di Monti, Letta e Renzi non hanno mai selezionato. Siamo offesi, come cittadini contribuenti, di questa girandola di nomi vecchi, usurati, appartenenti all’albero genealogico di occupatori di professione della tv pubblica. Vorremmo tanto che gli occhi che guardassero i cambiamenti della nostra società fossero pescati senza lignaggi ‘aristocratici’. Due nomi troppo importanti per immaginare che  per loro valga solo la professionalità. La Rai deve cambiare metodo. Non può pretendere di rappresentare tutti gli italiani, quelli che ogni anno sono costretti a pagare la tassa, per poi dare voce a ideologie stantie e autori faziosi e ‘monorappresentativi’. Vogliamo conoscere i costi di queste trasmissioni, le regole d’ingaggio, i tempi di produzione, le modalità della messa in onda. Vogliamo che la Rai si doti di un meccanismo trasparente di selezione degli autori valido per tutti e che interrompa il passaggio paradossale dal servizio pubblico lottizzato al pensiero unico”.
 
E’ quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli, componente della commissione di Vigilanza della Rai, già primo firmatario di un’interrogazione sul caso Veltroni autore Rai.
Stampa

Rai, Rampelli: Stato (in)civile durante le festività natalizie boicottare raitre

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2016

“Una provocazione bell’e buona. Perché proprio a Natale? La messa in onda di Stato Civile durante le festività natalizie su Rai tre, rappresenta a tutti gli effetti una provocazione.  Ieri, la seconda puntata dedicata alle unioni gay e alla omogenitorialità, della trasmissione firmata Francesco Siciliano, figlio dell’ex presidente della Rai, che proseguirà per altre 3 puntate. Restiamo costernati di fronte a una operazione di tale gravità tesa a destabilizzare i sentimenti di milioni di famiglie eterosessuali sulle quali mai nessuna trasmissione è stata mai ritagliata a misura. Vorremmo conoscere i costi di questa trasmissione pagata da tutti i cittadini italiani e  i criteri che sottendono a tale scelta. Chiediamo alla presidente della Rai, Monica Maggioni, se il direttore di Rai Tre Daria Bignardi l’abbia informata e se abbiano scelto insieme la data della messa in onda. Ci sorge il dubbio infatti che la data non sia casuale ma che sia stata scelta proprio per demolire la più importante delle feste cristiane incentrata sulla famiglia tradizionale. Per questo aderiamo alla campagna di boicottaggio di Rai tre”.E’ quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli, componente della commissione di Vigilanza della Rai.

Stampa

Amatrice, Rampelli: Non far calare il silenzio sulla tragedia terremoto

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2016

Noi sempre presenti, ma no strumentalizzazioni. "Rispetto agli articoli comparsi sulla stampa e sulle agenzie in queste ore che riportano di soli alcuni partiti presenti ad Amatrice ricordo che Fratelli d'Italia è stata più volte presente nelle zone terremotate e in particolare il sottoscritto si è recato proprio ad Amatrice il 26 agosto, insieme al sindaco del comune di Leonessa Paolo Trancassini. Il lavoro svolto con il sindaco Sergio Pirozzi ha consentito di dedicare un'intera sessione parlamentare al terremoto, con la discussione delle mozioni presentate dai gruppi di cui quella di FDI è stata la mozione capostipite.Tornerò in questi tre giorni ad Amatrice, seguendo un'iniziativa del sindaco Pirozzi che spero possa essere efficace, ma sottolineando di essere immediatamente accorso sui luoghi del sisma scegliendo di non pubblicizzarlo per evitare ogni accusa di strumentalizzazione. Tuttavia penso che bene abbiamo fatto i colleghi a rispondere all'appello di Pirozzi per impedire che sulla tragedia possa calare il silenzio". E' quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d'Italia-Alleanza nazionale alla Camera dei deputati Fabio Rampelli.