Stampa

Lavoro, Rampelli: L'Ocse sbaglia sul tfr italiano, sballando le valutazioni...

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2014

...PER DECENNI NEL SILENZIO DEL GOVERNO ITALIANO. “Qualche settimana fa abbiamo appreso per ammissione del suo ideatore, Guy Abeille, che la regola del 3% di deficit sul Pil è stata un’invenzione priva di fondamento scientifico.

Ammissione che non ha prodotto decisioni conseguenti.Oggi apprendiamo che l’Ocse ha sbagliato tutti i calcoli sulla rigidità del mercato del lavoro in Italia perché ha sempre considerato erroneamente il Tfr un indennizzo sul lavoro e non un trattamento di fine rapporto. Questo errore ha inserito l’Italia per decenni nella classifica dei Paesi più rigidi. Sia l’uno, la regola del 3%, sia l’altro, l’errore dell’Ocse, nascono a Parigi e sono stati acriticamente seguiti dai tecnocrati 'illuminati' dell’Ue. Economisti e iscritti alle massonerie cui andrebbe stracciata la laurea in mille pezzi.Grazie a un ricercatore della Bocconi l’errore è stato stanato. Ma quante vittime hanno mietuto tra le famiglie, i lavoratori e le imprese gli sbagli di queste Istituzioni? Il governo vuole prendere uno straccio d'iniziativa o è troppo impegnato nella pratica degli annunci?”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia Fabio Rampelli.

Roma, 25 settembre 2014