Stampa

L'attacco a Fini può produrre solo risentimenti

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2009

"Sono di destra, vengo dall'Esquilino e non condivido la proposta di voto agli immigrati, c'è un tempo per dimostrarsi un paese serio nel controllo dell'immigrazione e uno per abbreviare i tempi per la cittadinanza. Guai ad invertirli. Ma l'attacco di Feltri al presidente Fini è di una violenza che lascia di sasso e può produrre solo risentimenti e astio nel centrodestra".

"Per non parlare dell'iscrizione interessata al partito di Berlusconi o a quello di Fini che si sta sviluppando in queste ore, tra rocamboleschi ravvedimenti di alcuni e velati ultimatum di altri" Non si registra in quest'ulteriore aggressione di Feltri un obiettivo utile alla causa del Pdl nè a quella della nazione tutta. Se è vero che il direttore de Il Giornale si aspettava, come ha scritto oggi, una telefonata dall'onorevole Fini, avrebbe potuto farla anche lui invece di trasformare i suoi mal di pancia in un editoriale. Un paese normale non si trascina per via mediatica da uno sgozzamento all'altro in un'arena permanente e il centrodestra ha il dovere di usare la sua ampia maggioranza per costruire quel paese normale, dove le sensibilità culturali abbiano tutte cittadinanza e dignità"