Stampa

Voto in condotta motivato e pluralismo culturale nella scelta dei libri di testo

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2008

"La reintroduzione del voto in condotta costituisce una risposta necessaria e urgente al moltiplicarsi degli episodi di teppismo e di bullismo che purtroppo si verificano nelle nostre scuole. Abbiamo chiesto che venga specificato, in caso di valutazione negativa del comportamento dello studente, il motivo del voto inferiore a sei decimi, ma che in alcun modo tale giudizio possa riferirsi all'impegno e alla partecipazione dello studente ad iniziative di carattere civico o sindacale".

"Nel Ddl è previsto che i competenti organi scolastici adottino libri di testo in relazione ai quali l'editore si sia impegnato nel quinquennio a mantenere invariato il contenuto. Ma la nuova scuola italiana deve saper coniugare la libertà di insegnamento, costituzionalmente tutelata, con la libertà di apprendimento degli studenti e delle famiglie, e a tal fine, il sistema scolastico deve essere in grado di garantire il rispetto del pluralismo culturale a partire dai libri di testo. Apertura quindi, a tutti i filoni culturali, storici e artistici che rappresentano l'identità italiana".