Stampa

Bertinotti difenda l'istituzione quotidianamente vilipesa

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2006

L'esibizione notturna da parte del sottosegretario Paolo Cento, insieme ai suoi colleghi, del cartello con su scritto 'Fatevi una canna' ? offensiva per l'istituzione parlamentare e tradisce un continuo ribaltamento di ruoli di alcuni membri del governo".

"La dichiarazione impunita dell'onorevole Caruso di aver piantato marijuana nel cortile della Camera la querelle tra il transgender sig.ra Vladimiro Luxuria e l'on. Gardini sull'uso dei bagni femminili, le rilevazioni delle Jene sul doping di alcuni parlamentari e le mancate iniziative della Camera per favorire - almeno a titolo volontario - la pubblicit? del reale stato di ciascun deputato, le mancate scuse di Diliberto dopo la manifestazione cui ieri ha partecipato a Roma dove si ? bruciato il fantoccio di un soldato italiano e si ? gridato ancora '10-100-1000 Nassiriya', la presenza reiterata di rappresentanti del governo a cortei contro il governo con il carico di folclore che tale incongruenza attira sull'Italia da tutto il mondo, stanno pesantemente avallando un'immagine deleteria e inadeguata dell'istituzione parlamentare". 
"Se a questi episodi si aggiunge il malcostume che consente al governo di entrare in aula con una manovra finanziaria e di modificarla ogni giorno e in vari punti, senza una scadenza ultima, attraverso centinaia di emendamenti, siamo alla messa in ridicolo del Parlamento. Spero che il presidente Bertinotti comprenda il rischio che si sta palesando e intenda intervenire con iniziative adeguate per evitare di passare alla storia come il commissario liquidatore di Montecitorio".