Stampa

Sui dati dell'elettrosmog Veltroni non è coerente

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2006

"A quaranta giorni dalle elezioni amministrative il sindaco di Roma, Walter Veltroni, si ricorda del ?capitolo? elettrosmog annunciando ai quattro venti che i recenti rilevamenti effettuati dall?Arpa nella nostra citt? sono pi? che confortanti e che sono tutti al di sotto dei limiti imposti dall?Ue. Non solo. Il primo cittadino sottolinea anche che "Roma ? la prima citt? d'Italia a fare questo genere di rilevazioni e che delle 60 centraline a disposizione, le 19 finora installate stanno monitorando ventiquattro ore su ventiquattro l'attivit? di emissione con circa 40mila rilevazioni al giorno. Perch? non diceva le stesse cose qualche anno fa quando alla presidenza della Regione c?era Storace, i controlli erano gli stessi e i limiti addirittura pi? bassi? Ricordo le sue celebri battaglie, addirittura le torte offerte agli alunni della scuola Leopardi di Roma a forma di antenne con l?allora assessore Montino che si arrampicava sui cancelli dell?Istituto. Allora esisteva il ?grave? pericolo elettrosmog mentre oggi i limiti rientrerebbero negli standard europei dei 6v/m. Perch? non dice inoltre che le 60 centraline furono messe a disposizione qualche anno fa attraverso un accordo con il ministero delle Comunicazioni e con l?allora ministro Gasparri? Quando verranno messe in funzione le altre 41? Che fine hanno fatto? Prima di parlare di cifre e di rassicurare i cittadini attraverso la solita demagogia, ci dica chiaramente, visto che ha affrontato anche il problema relativo agli elettrodotti, quando si dedicher? alla questione di Cinecitt? est dove i cittadini sono in subbuglio da tempo".