Stampa

Archivio Comunicati 2003: Gennaio - Febbraio

Roma, 30 gennaio 2003
Rampelli su rimozione targa melandri dal vittoriano: bene ma ora rimuoviamo il ristorante dalla terrazza?
?Bucatini all?amatriciana e coda alla vaccinara non si addicono alla sacralit? del luogo?
?Bravo Bono, adesso rimuoviamo il ristorante sopra la terrazza del Milite Ignoto?. ? quanto dichiara il consigliere regionale di Alleanza nazionale, Fabio Rampelli, in merito alla rimozione della targa ministeriale.
?Siamo favorevoli ? ha aggiunto Rampelli- a rendere vitali e godibili i beni monumentali, ma a tutto c?? un limite. Un?opera che rappresenta il tributo di un?intera nazionale ai suoi martiri ? incompatibile sia con targhe dei ministri sia con snack, patatine, bucatini all?Amatriciana e code alla vaccinara?.
?E a proposito di Patria, - ha concluso Rampelli - non capiamo come si possa coniugare l?improvvisa retorica patriottica degli ultimi anni con questa violazione della sacralit? del Milite ignoto ?.

Roma, 30 gennaio 2003
MALTEMPO. RAMPELLI PRESENTA MOZIONE PER EROGARE I CONTRIBUTI A TUTTI I MUNICIPI COLPITI DALLE PIOGGE TORRENZIALI
Reperire con estrema urgenza fondi economici per il XV e XIX municipio e per tutti quelli, che fornendo la necessaria documentazione, comprovino di essere stati colpiti dal violento nubifragio del 1^ novembre 2002.
? la richiesta del consigliere regionale di Alleanza nazionale, Fabio Rampelli, che ha presentato una mozione in Consiglio regionale del Lazio affinch? siano eliminate eventuali disparit? tra diversi quartieri di Roma colpiti dalla stessa calamit?.
"Non si capisce per quale motivo - ha spiegato Rampelli- nel Bilancio di previsione del 2003 la Regione abbia 'privilegiato' soltanto i cittadini del XIII e XX municipio. Anche il XV ? stato pesantemente colpito dal nubifragio - le zone di Piana del Sole e Ponte Galeria hanno registrato gravissimi danni - ma inspiegabilmente ? stato escluso dai benefici".
"Il XIX - ha puntualizzato Rampelli- ha subito piogge torrenziali che hanno invaso le abitazioni e oggi i cittadini sono costretti a spendere soldi di tasca propria per far periziare le case".
"Questa differenza di trattamento - ha osservato - deve essere sanata per consentire a tutti i Municipi di poter usufruire del sostegno economico della Regione per far fronte all'emergenza".
"Mi auguro - ha concluso Rampelli - che la mozione sia accolta favorevolmente dal Consiglio e dalla Giunta che si dovr? impegnare a reperire con urgenza i fondi economici anche per tutti quei Municipi che, fornendo la necessaria documentazione, dimostrino di essere stati colpiti e danneggiati dal nubifragio".

Roma, 30 gennaio 2003
RAMPELLI PRESENTA INTERROGAZIONE SU AGGRESSIONI A ATENEO ROMA TRE DA PARTE DEI CENTRI SOCIALI
Un decennio di violenza e di intimidazioni: protagonisti indisturbati gli Autonomi del Centro sociale ?La Strada?, vittime, i militanti di Alleanza nazionale. Sono quasi dieci anni che l?estrema sinistra impazza alla Garbatella. ? la denuncia del consigliere regionale di Alleanza nazionale, Fabio Rampelli, che ha presentato un?interrogazione urgente al presidente Storace in cui chiede di intervenire sul Ministro dell?Interno e su quello della Giustizia per sapere che cosa stia facendo il governo nazionale sull?escalation di violenza che si sta verificando nello storico quartiere romano e all?interno della vicina universit? Roma Tre. Analoga interrogazione sar? presentata alla Camera dei Deputati da un parlamentare di An. [Leggi il testo completo]

Roma, 28 gennaio 2003
RAMPELLI: LA REGIONE CAPOFILA PER L'APERTURA DI UN'UNIVERSIT? ITALIANA A NEW YORK
"L'ateneo dedicato a Giuseppe Prezzolini, che dall'America mantenne alto il prestigio degli italiani all'estero"

Promuovere la lingua e la cultura italiane nel mondo attraverso l'apertura di universit? a New York. ? la richiesta lanciata dal consigliere regionale di Alleanza nazionale, Fabio Rampelli, che ha presentato una mozione in cui il consiglio regionale impegna la giunta a istituire un comitato scientifico e accademico e un coordinamento interistituzionale per il rilancio della cultura italiana al livello internazionale.
"In questa richiesta - ha detto Rampelli - siamo confortati dai dati sullo studio della lingua italiana all'estero. Da un convegno organizzato dall'Accademia della Crusca, l'Universit? di Roma "La Sapienza" e il Ministero degli Affari Esteri risulta che la nostra lingua ? la quinta pi? studiata al mondo e conta un numero crescente di allievi, l'aumento complessivo ? stato del 38,2 per cento nel quinquennio 1995-2000: cinquantacinquemila sono gli studenti che frequentano gli ottentotto Istituti di Cultura Italiana mentre trentamila sono coloro che la studiano nelle scuole; 340 sono i lettorati d'italiano nelle universit? straniere".
"Si tratta di numeri importanti - ha continuato Rampelli - che abbiamo il dovere di valutare con estrema attenzione e che possiamo far crescere. Lo strumento migliore potrebbe essere l'apertura di una universit? italiana a New York, la metropoli in cui gli italiani giunti alla terza e quarta generazione hanno scalato le vette del successo integrandosi nel sistema finanziario, politico, industriale americano e che oggi reclamano una presenza delle istituzioni italiane anche da un punto di vista culturale. Il fatto stesso che gli italiani all'estero abbiano ottenuto, in virt? battaglia politica condotta dall'On. Mirko Tremaglia, diritto di voto dimostra che ci sono spazi da valorizzare".
"Se ? vero che una parte della stampa internazionale, come il Financial Times, - ha precisato Rampelli - ama dileggiare il Belpaese, ? altrettanto vero che ci sono giornali, come il "Frankfurter Allgemeine Zeitung che accreditano l'Italia come una vera potenza globale capace di accentrare gli interessi culturali, enogastronomici, artistici, musicali, sportivi di tutte le nazioni del mondo, sia in Occidente che in Oriente".
"Per questo - ha aggiunto - sono certo che la Regione abbia tutto l'interesse a istituire un comitato scientifico e accademico che possa lavorare per l'apertura di una sede universitaria all'estero con il Lazio regione capofila del progetto e a intervenire presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri affinch? sia attivato un coordinamento tra i Ministeri degli Affari Esteri, italiani nel Mondo, Istruzione, Universit? e Ricerca e le Universit? italiane. Inoltre, il progetto avrebbe anche lo scopo di aggregare i nostri docenti all'estero fuggiti dall'Italia per la lentezza del nostro sistema universitario".
"I finanziamenti - ha concluso Rampelli- potrebbero essere reperiti attraverso fondi pubblici e privati a anche con una sottoscrizione tra gli italiani all'estero che volessero collaborare a raccogliere questa grande sfida culturale. E magari dedicarla a Giuseppe Prezzolini, un grande italiano che da New York mantenne alto il prestigio dei suoi connazionali".

Roma, 28 gennaio 2003
PRG. RAMPELLI: "IL LINGUAGGIO DEI COSTRUTTORI NON SI ADDICE AI RAPPRESENTANTI DEL POPOLO. LA SINISTRA E LA DESTRA FACCIANO CHIAREZZA. L'UNICA VIA E' IL RECUPERO E LA SOSTITUZIONE EDILIZIA."
"Il futuro di Roma sta nella riqualificazione urbanistica, mentre la proposta di Prg di Veltroni parla solo di cubature, ignorando completamente le nuove frontiere del recupero: architettura tradizionale e sostituzione edilizia". E' quanto dichiara il consigliere regionale di An, Fabio Rampelli.
"E' desolante ragionare sullo sviluppo della citt? - sottolinea l'esponente di An - mettendo al centro del dibattito non la qualit? della vita e il ritorno al 'bello' ma i metri cubi, utilizzando il linguaggio dei costruttori e degli immobiliaristi, invece di quello dei rappresentanti del popolo. N? francamente si comprende - aggiunge Rampelli - perch? coloro che in passato - ispirandosi all'edilizia intensiva collettivista - e coloro che oggi fantasticano di nuove architetture verso l'alto - fino a scomodare il futurismo - non vadano immediatamente ad abitare nelle torri senz'anima della periferia romana".
"L'ora della confusione e dell'approssimazione ? finita - conclude Rampelli - la Sinistra ha rivelato la sua vera immagine con questa proposta, An e il Centrodestra facciano altrettanto, uscendo dall'ambiguit? e facendo capire ai romani qual ? la loro proposta unitaria".

Roma, 21 gennaio 2003
RAMPELLI SU ENEL CIVITAVECCHIA: PRESENTATA MOZIONE CONTRO LA CONVERSIONE
"La Regione Lazio deve pronunciarsi contro la conversione a carbone della centrale Enel di Torre Valdaliga Nord a Civitavecchia". ? quanto sostiene il consigliere regionale di Alleanza nazionale, Fabio Rampelli, che ha presentato una mozione con la quale il consiglio regionale impegna la Giunta a esprimersi contro la riconversione a carbone della centrale elettrica nel rispetto del pronunciamento dei Comuni interessati.
"Gi? nel novembre scorso, a seguito di un incontro con il comitato no al carbone, - ha puntualizzato Rampelli - avevo garantito il mio impegno affinch? fosse promosso un contraddittorio tra l'Enel e le associazioni ambientaliste in sede di commissione parlamentare sull'ambiente, e che si calendarizzasse un'audizione in Consiglio regionale. Avevo a suo tempo manifestato la necessit? che l'Enel abbandonasse certi atteggiamenti omertosi nell'interesse di un diritto inalienabile dei cittadini: quell'interesse ? la tutela della salute pubblica che resta una condizione irrinunciabile per ogni istituzione che governa a qualsiasi livello territoriale".
"Il parere contrario dei Comuni - ha concluso Rampelli - non pu? essere ignorato e la Regione Lazio deve tener conto di questa decisione".

Roma, 18 gennaio 2003
FINANZIARIA REGIONALE. GLI INQUILINI A BASSO REDDITO POTRANNO USUFRUIRE DI UN MUTUO PER L'ACQUISTO DEGLI ALLOGGI DI ENTI PUBBLICI ED EX-INA PRIVATIZZATI
"Dodici milioni e mezzo di euro del fondo di rotazione destinato agli interventi per l'edilizia agevolata sono stati destinati ai legittimi assegnatari degli alloggi di propriet? di Enti pubblici e privati e dell'ex Ina per il loro acquisto". Lo rendono noto i consiglieri regionali di An Fabio Rampelli e Gigliola Brocchieri, firmatari della proposta emendativa approvata dal Consiglio regionale nel corso della discussione sul Bilancio di previsione 2003.
"Si tratta di un ingente stanziamento - sottolineano gli esponenti di An - per tutelare le fasce deboli degli inquilini che sono state penalizzate dalla privatizzazione degli immobili di Enti pubblici ed ex Ina, un'operazione che non ha tenuto conto di quelle abitazioni che erano state concepite in origine come tipologia edilizia sovvenzionata e popolare e comunque abitate oggi anche da inquilini che non possono permettersi onerosi acquisti".
"Grazie a questo emendamento - concludono la Brocchieri e Rampelli - gli affittuari a basso reddito potranno invece usufruire di un fondo che consentir? loro, attraverso un mutuo, di poter acquistare la casa nella quale vivono, fatto che dimostra la costante attenzione di Alleanza nazionale verso le categorie pi? disagiate".

Roma, 18 gennaio 2003
IL CONSIGLIO DEL LAZIO APPROVA DUE ORDINI DEL GIORNO PER LA MORALIZZAZIONE DELLA VITA AMMINISTRATIVA DELL'ISTITUZIONE REGIONALE
In coda alle votazioni sulla manovra finanziaria 2003 il Consiglio regionale ha approvato due ordini del giorno proposti dal consigliere regionale di An Fabio Rampelli, uno per punire l'eventuale uso privato delle autovetture di servizio e l'illegale posizionamento sulle stesse dei lampeggianti e delle sirene, l'altro - presentato anche dal consigliere Giacomo Troja dell'Udc - per regolamentare le missioni istituzionali (viaggi in Italia e all'estero) di consiglieri e assessori. Gli ordini del giorno sono stati approvati all'unanimit? e favorevolmente accolti dal Presidente Storace.
"Si apre finalmente un capitolo nuovo nella vita amministrativa della Regione Lazio, all'insegna delle regole e delle sanzioni verso chi le disattende" - ha sottolineato Rampelli. "Alcuni nostri militanti e simpatizzanti ci hanno fatto presente che qualche 'pecora nera', politici e dirigenti regionali, utilizzava impropriamente le auto 'blu', esattamente come accadeva nella 'prima repubblica'".
Da qui l'iniziativa di questa notte, che Rampelli ha cos? commentato: "I cittadini del Lazio ci hanno dato fiducia innanzitutto perch? hanno visto in noi la diversit? dai precedenti governanti, hanno apprezzato la nostra semplicit?. Chi ostenta in modo arrogante il potere viene giustamente emarginato e criticato dalla gente e anche per questo il Centrodestra non deve mai scivolare su comportamenti elitari e supponenti tipici di un'epoca che ci siamo gettati dietro le spalle".
"Scriver? una lettera a tutti i militanti di An e della Cdl - ha annunciato Rampelli - allegando l'ordine del giorno approvato oggi, invitandoli a denunciare alla Regione e presso le segreterie nazionali dei partiti gli episodi sconvenienti di cui taluni si rendessero protagonisti. La Sinistra ha cominciato il suo declino quando si ? iniziata a sentire corpo estraneo rispetto alle fasce popolari?
"Le missioni di assessori e consiglieri infine, anche per merito dell'on. Giacomo Troja dell'Udc, che ha presentato analogo Ordine del giorno, saranno regolamentate dall'Ufficio di Presidenza del Consiglio e dalla Presidenza della Giunta e prevedranno un 'tetto' massimo di trasferte. Inoltre - conclude Rampelli - coloro che andranno in missione istituzionale dovranno relazionare, prima e dopo il viaggio, al Consiglio, formalizzando gli obiettivi e i risultati delle iniziative intraprese.

Roma, 15 gennaio 2003
PRG. RAMPELLI: "MORASSUT NON CONOSCE IL SIGNIFICATO DEL CONCETTO DI SOSTITUZIONE EDILIZIA"
L'esponente di An presenta un emendamento al bilancio per riqualificare le periferie degradate
"Ci fa specie che l'assessore all'Urbanistica della Capitale d'Italia non conosca il significato della 'sostituzione edilizia' che, come ha spiegato in Campidoglio nel suo eccellente intervento il relatore di minoranza Marco Marsilio di An, prevede la realizzazione in aree precedentemente individuate - contigue ai manufatti da demolire - di edilizia sostitutiva". E' quanto dichiara il consigliere regionale di An Fabio Rampelli.
"Dunque - sottolinea l'esponente di An - le 'deportazioni' sono frutto della perversa fantasia di Morassut. Semmai - aggiunge Rampelli - suggerisco all'amministratore diessino argomenti pi? convincenti da usare verso Moffa e Storace. Il presidente della Provincia e quello della Regione pensino invece a finanziare progetti pilota nelle periferie romane e dimostrino che, mentre il Comune ? inerte e, anzi, si appresta a devastare il territorio con altra inutile edilizia intensiva, il Centrodestra attua la sua proposta con una capacit? di programmazione e d'investimento in favore dell'architettura tradizionale per migliorare la qualit? della vita".
"Per questo motivo - rende noto Rampelli - ho presentato quest'oggi in Consiglio regionale un emendamento al Bilancio che prevede un importo di 25 milioni di euro da investire in un quinquennio per consentire la realizzazione di progetti tesi alla riqualificazione delle periferie degradate della Capitale attraverso l'uso dello strumento della sostituzione e concepiti secondo i criteri dell'architettura tradizionale. La battaglia contro gli scempi urbanistici che hanno portato alla nascita di quartieri invivibili e anonimi, come Tor Bella Monaca, Laurentino 38, Casilino 23, Corviale e Serpentara, deve trovare oggi un adeguato supporto da parte del governo di Centrodestra della Regione Lazio per far tornare a vivere degnamente i tanti cittadini che pagano sulla loro pelle le scelte scriteriate della visione collettivista".
"Spero che il presidente Storace - conclude Rampelli - da sempre attento ai problemi delle aree degradate del territorio, accolga questa proposta".