Stampa

De Vito, Rampelli: Tè caldo, babbucce e copertina di lana. A casa!

Onesti o colpevoli che siano devono lasciare in pace Roma ridotta allo stremo, e andarsene

“Non faremo conferenze stampa con le arance sul tavolo, cadute di stile da tagliagole che non hanno nulla a che vedere con la politica, la dialettica, il confronto tra opinioni diverse. Le lasciamo ai cialtroni strutturali penta stellati. Le intercettazioni telefoniche, immancabili e a orologeria, ci danno già il sapore di un modo sporco di fare politica. La magistratura giudicherà se anche illegale. Ma tanto basta. Rappresentare il popolo invocando l’onesta e trovarsi a brigare per ottenere vantaggi per sé e i propri amici è innanzitutto desolante. A tale indiscusso tradimento va aggiunto il vero problema di questi svalvolati dei 5 stelle: un’incompetenza crassa, una social-confusione patologica, un’incapacità di governo imbarazzante. Onesti o colpevoli che siano devono lasciare in pace Roma, ridotta allo stremo, e andarsene. In fondo una tazza di tè caldo, un paio di babbucce e una copertina di lana possono aiutare a riscoprire una soporifera quanto necessaria vocazione domestica. A casa”. È quanto scrive su Facebook il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.