Stampa

Manovra, Rampelli: No all'esercizio provvisorio ma sì all'emendabilità

“L’esercizio provvisorio non può essere la minaccia per blindare la legge di bilancio, impedirne l’emendabilità da parte della Camera dei deputati, ridurre al silenzio un ramo del Parlamento. Non è ammissibile che la Camera sia costretta a esaminare la legge economica fondamentale dello Stato in pochi giorni e senza alcuna possibilità di migliorarne il contenuto a causa dei tempi lunghi determinati dal Governo.

Non si può chiamare alla responsabilità l’opposizione se come maggioranza ci si è dimostrati irresponsabili e incapaci. Faremo di tutto per evitare l’esercizio provvisorio, ma a condizione che la Camera possa intervenire sulla manovra. Il Presidente Fico, che ha rivendicato all’atto del suo insediamento la centralità del Parlamento, dopo aver fallito nella sua missione nel 2018, faccia da garante e chieda a governo e maggioranza di aprire la legge di bilancio per non rendere inutile il lavoro di 630 rappresentanti del popolo pagati per fare il loro dovere e non per ratificare i capricci del suo partito”.

È quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.