Stampa

Covid, Rampelli: Governo salvi lo sport con finanziamenti straordinari e ne faccia una leva per la ripartenza

“L’emergenza Covid sta schiacciando il mondo dello sport, sia di vertice che di base. Impianti ancora chiusi, con i gestori, le società sportive e gli enti di promozione sull’orlo del fallimento. Economie bruciate e gravi ricadute sui livelli occupazionali, oltre al cospicuo indotto che genera il settore. Le realtà associative, da mesi ferme a tutti i livelli, sono al collasso con danni per la continuità del servizio svolto sul territorio.

Il Governo deve intervenire velocemente e con adeguate risorse per sostenere la programmazione della riapertura. Servono interventi mirati, finanziamenti a fondo perduto per quelle attività che rischiano la chiusura, voucher per la pratica sportiva in aiuto alle famiglie e incentivi per la sanificazione delle strutture, azzeramento immediato - e successiva rateizzazione - dei canoni di concessione delle strutture pubbliche e introduzione del credito d'imposta per le locazioni di impianti sportivi pubblici e privati. Nella giornata di ieri Fdi ha audito in videoconferenza, alla presenza dei componenti delle Commissioni Sport di Camera e Senato, gli operatori dello sport. Si lavorerà nella presentazione di emendamenti in favore e a sostegno del mondo dello sport da inserire nei prossimi decreti dopo le risposte negative arrivate fin qui dal Governo. Aiutare il sistema sportivo significa continuare a garantire lo sport di base, a mantenere la centralità della famiglia che ha sempre svolto un ruolo importante nella promozione della pratica sportiva. Lo sport, è valore e capitale sociale insieme, il Governo non lo disperda ma ne faccia una leva per la ripartenza”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.