Stampa

Foibe, Rampelli: Polemiche su intitolazione spazio pubblico a Cossetto oltraggiano memoria italiani e vittime tragedia

“Nonostante esista una legge dello Stato che istituisce il 10 Febbraio come ‘Giornata del Ricordo’, c’è ancora chi si chiude gli occhi di fronte all’orribile tragedia delle foibe. E’ accaduto a La Spezia dove l’amministrazione spezzina ha intitolato uno spazio pubblico a Norma Cossetto, infoibata nel 1943 e insignita dal presidente Ciampi della Medaglia d’oro al merito civile e le parole di Rifondazione Comunista - ‘vergogna alla Pansa che deve essere chiarita e contestualizzata’ – sono fuori dal tempo. Norma è stata seviziata, trucidata e poi gettata in una foiba dai partigiani comunisti slavi. Oltre 10mila italiani uccisi per mano del regime comunista di Tito, un dramma che si è consumato anche attraverso l’esodo di 350mila istriani, giuliani e dalmati dalle loro terre alla fine della seconda guerra mondiale. Una pagina buia della nostra nazione, mistificata per decenni dai libri di testo scolastici e oggi, a quanto pare, ancora negata. Ringraziamo la Giunta comunale di La Spezia per l’intitolazione alla Cossetto, la vergogna è di chi continua ad oltraggiare la memoria degli italiani e delle vittime delle foibe”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.