Stampa

Interrogatorio a Fabio Rampelli

Fabio Rampelli non rappresenta solo se stesso, ma è l’espressione di una comunità politica, militante e umana composta da centinaia di persone di tutte le età e fasce sociali che crede nella forza delle passioni, dell’impegno, delle sfide impossibili e nella politica intesa come missione. Il suo metodo è stato adottato e copiato successivamente da tutti coloro che hanno a cuore il contatto con la gente. Famose sono le sue circolari attraverso cui informa periodicamente i cittadini, i militanti, gli amministratori locali e gli operatori di settore sulle leggi, sui finanziamenti,sui bandi e sui concorsi indetti dalla Regione Lazio.

Le sue iniziative nascono dal continuo confronto con il territorio e dalla costante elaborazione culturale che lo hanno portato a superare gli sterili luoghi comuni ideologici. Dalla sua tenacia, nasce l’ambientalismo e l’associazionismo di destra, da sempre settori considerati a esclusivo appannaggio della sinistra. Con il suo impegno è riuscito ad anticipare posizioni ora comuni dentro Alleanza nazionale: la giornata del ricordo, per esempio, ora è diventato patrimonio comune e legge dello Stato. Attento alla formazione dei giovani, ha contribuito alla fondazione di ‘Scuola di Comunità’, un’associazione che si occupa fra l’altro di divulgare la conoscenza dei fatti storici che hanno formato l’identità di Patria direttamente sui luoghi degli avvenimenti: prima guerra mondiale, foibe, città di fondazione, el Alamein, Fori Romani.

Studi: diploma scientifico, laurea in Architettura
Professione: architetto
Hobby: lettura, musica, cinema
Sport: nuoto, vela, tennis, pallavolo, fitness, canoa… dalle biglie ai racchettoni ho una predilezione per le sfide
Frase celebre: Sappiamo anche noi quanto è bello il cielo e come odorano i boschi: ma nei boschi siamo poeti per essere in città tre volte cittadini. Oppure: al mio segnale scatenate l’inferno.
Proverbio utile: Carpe diem, cogli l’attimo
Battuta feroce: al posto del cuore hai un grumo di sterco
Religione: cattolica
La città più bella: Roma
All’estero?: Parigi
Libro preferito: L’Ultima Legione
Fumetto preferito: Paperinik
Film preferito: Il Gladiatore
Autore preferito: Valerio Massimo Manfredi
Fiaba preferita: Il Signore degli Anelli
Spettacolo teatrale preferito: Giorgio Gaber, il Grigio
Cantautori preferiti: Lucio Battisti, Franco Battiato, Renato Zero, Fabrizio De Andrè
Sogno ricorrente: non c’è. Ricorre la mutevolezza del sogno
L’amore è?: il senso della vita
La politica è?: sfida perenne tra il bene e il male
La pace è?: una conquista… “Se vuoi la pace prepara la guerra”, dicevano i romani
Vacanze: mare d’estate, montagna d’inverno
Dicono di Lei: sognatore
Dice di sé: lottatore
L’ avversario è…: uno che puoi convincere
L’amico è…: un tesoro inestimabile
Il nemico è: un rosicone
Chi odia?: l’oligarchia
Miglior pregio: altruismo
Peggior difetto: altruismo
Primo pensiero al mattino: la trincea mi aspetta, devo combattere con onore
L’ultimo la sera: grazie buon Dio per avermi dato Gloria, in moglie
Il giorno più felice: 2 dicembre 1995: il mio matrimonio
Quello più triste: 9 febbraio 1982, morte di Paolo Di Nella
Personaggio storico: Giulio Cesare
Grato a chi: alla comunità che esiste e resiste
Cavallo di battaglia: difesa di ciò che è giusto
Perché votarla: domanda da rivolgere a chi lo fa
Slogan elettorale: io ci credo
Il peggiore difetto di un politico: l’arroganza
La cosa più importante al mondo: la mamma
Rigatoni alla pajata o… risotto vegetariano?: rigatoni alla matriciana
Un mito: Salvo D’Acquisto
Un personaggio: Paperinik
Una grande emozione: l’ingresso nello stadio del nuoto prima della staffetta azzurra ai mondiali di nuoto di Berlino (1978)
Se potessi tornare indietro gli direi…: dovevi allearti con Churcill e democratizzare il fascismo. L’Italia oggi sarebbe la più grande nazione del mondo. E gli darei un ceffone per l’ignominia delle leggi razziali.
Quella volta che…: la Roma ha perso ai rigori con il Liverpool la Coppa dei Campioni
La tua squadra di calcio: la Roma
La squadra più antipatica: la Juventus
E la Lazio?: deve stare nei primi posti in classifica ma un punto sotto la Roma, così entrambe sono competitive con le squadre del nord e il campionato italiano non viene scambiato con quello padano
Il bicchiere è mezzo pieno…o mezzo vuoto?: mezzo pieno, ma si deve continuare a riempire come se fosse mezzo vuoto
Di cosa hai nostalgia?: delle sorprese
Di cosa faresti a meno?: dei falsi e dei bugiardi
Cosa regaleresti: la collana di Salgari, ma non la trovo mai
Un desiderio: un figlio
Un altro: l’immortalità dei miei genitori
Ancora uno: vedere felici le persone che amo
Un’utopia: un mondo di persone leali dove prevalga chi è bravo, non chi imbroglia
Chi butta dalla Rupe Tarpea?: Maurizio Costanzo (si può dire o mi distrugge?) perché è il simbolo del relativismo etico che ha messo in ginocchio l’Occidente