Stampa

Covid, Rampelli: Governo salvi lo sport con finanziamenti straordinari e ne faccia una leva per la ripartenza

“L’emergenza Covid sta schiacciando il mondo dello sport, sia di vertice che di base. Impianti ancora chiusi, con i gestori, le società sportive e gli enti di promozione sull’orlo del fallimento. Economie bruciate e gravi ricadute sui livelli occupazionali, oltre al cospicuo indotto che genera il settore. Le realtà associative, da mesi ferme a tutti i livelli, sono al collasso con danni per la continuità del servizio svolto sul territorio.

Il Governo deve intervenire velocemente e con adeguate risorse per sostenere la programmazione della riapertura. Servono interventi mirati, finanziamenti a fondo perduto per quelle attività che rischiano la chiusura, voucher per la pratica sportiva in aiuto alle famiglie e incentivi per la sanificazione delle strutture, azzeramento immediato - e successiva rateizzazione - dei canoni di concessione delle strutture pubbliche e introduzione del credito d'imposta per le locazioni di impianti sportivi pubblici e privati. Nella giornata di ieri Fdi ha audito in videoconferenza, alla presenza dei componenti delle Commissioni Sport di Camera e Senato, gli operatori dello sport. Si lavorerà nella presentazione di emendamenti in favore e a sostegno del mondo dello sport da inserire nei prossimi decreti dopo le risposte negative arrivate fin qui dal Governo. Aiutare il sistema sportivo significa continuare a garantire lo sport di base, a mantenere la centralità della famiglia che ha sempre svolto un ruolo importante nella promozione della pratica sportiva. Lo sport, è valore e capitale sociale insieme, il Governo non lo disperda ma ne faccia una leva per la ripartenza”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Scintille in studio tra il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli di Fratelli d'Italia e la conduttrice di Agorà Serena Bortone (video)

“Sulla cosiddetta ‘fase due’ annunciata da Conte ieri in diretta non ci siamo. Il Capo del governo non deve ordinare come un dittatorello qualunque chi possa lavorare e chi no, chi possa uscire e chi no. Deve al contrario, in epoca di convivenza con il coronavirus, dare le linee guida per tutti, prescrivere le condizioni per esercitare il proprio lavoro. Si può fare la fila davanti a un negozio di abbigliamento come fuori di un supermercato, si può andare a messa chiedendo alla Cei di celebrare più messe applicando la regola del distanziamento, si possono svolgere quasi tutte le attività prescrivendo le condizioni e verificandone il rispetto. Né si possono ledere diritti inalienabili come quello all’affettività di coppie non sposate. Silenzio assordante su scuole paritarie e private, turismo, cultura, intrattenimento, impianti sportivi...

Sulla carenza di liquidità le responsabilità sono congiunte tra Governo e banche. Lo Stato ha imposto il fermo delle attività ed è lui a dover risarcire. Invece costringe le imprese a indebitarsi, le indirizza alle banche, gli fa iniziare una lunga tiritera per valutare se e in quale misura potrebbero accedere al prestito, le costringe incredibilmente a pagare interessi di mercato nonostante metta direttamente le garanzie su cui le banche possono rivalersi in caso di inadempienza. Pazzesco. E come non bastasse individua in soli 6 anni il tempo per la restituzione del prestito. Quando altre nazioni giustamente prevedono un contributo a fondo perduto per il danno arrecato” – così Fabio Rampelli vicepresidente della Camera e deputato di Fdi intervenendo alla trasmissione ‘Agorà’ su Rai3.

Motivo della frizione tra Rampelli e Bortone sono state però le manifestazioni svolte in occasione della festa della liberazione che, secondo Rampelli, dovevano essere sanzionate. Interrotto dalla Bortone, “Ma come Rampelli il 25 aprile è la festa di tutti gli italiani., Io sono cittadina italiana e rispetto la Costituzione”, il vicepresidente ha dovuto attendere il turno successivo per chiarire il suo pensiero, ma prima di farlo ha accusato la conduttrice di togliergli la parola, di ironizzare e di fare battutine sotto: “Lei, cara conduttrice, mi fa le battute, io non ho paura di risponderle, ma deve consentirmelo. Quei manifestanti dovevano essere sanzionati perché hanno manifestato in spregio ”ai decreti e a dispetto di chi è rimasto a casa, gente di sinistra o di destra, rispettosa delle regole. Il 25 aprile non c’entra nulla.

https://www.youtube.com/watch?v=B-bJwHsCFfk

Stampa

Sicurezza, Rampelli: Vicini a famiglia agente polizia ucciso a Napoli

“Dolore per l’agente della Polizia di Stato, Pasquale Apicella, ucciso a Napoli mentre cercava di fermare alcuni rapinatori dopo un colpo in banca. Siamo vicini alla famiglia e a tutte le Forze dell’Ordine, donne e uomini in divisa, che ogni giorno mettono a repentaglio la propria vita per rendere sicuro il nostro territorio”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Rampelli: Conte si appropria delle proposte di Fdi, zero iva su mascherine e prezzo bloccato (video)

Ancora una volta il presidente del Consiglio decide in piena solitudine, la fase due esautora il Parlamento che avrebbe potuto fornirgli buoni consigli. Se la regola è distanziamento sociale e mascherina non si capisce perché  alcune attività non possano riaprire. Mi riferisco per esempio ai negozi al dettaglio e ai bar che potrebbero tranquillamente attenersi alle regole stabilite.
Si possono andare a trovare i parenti, ma occorre rilevare che la sinistra è contro le coppie di fatto perché Conte conferma il divieto a vedersi per conviventi, oltre che per amici e fidanzati.
Non si fa accenno al 1 maggio, data critica. Non vorremmo che accadesse quanto già successo ieri altrimenti Conte dica direttamente che per essere liberi occorre andare in giro con mascherine e bandiera rossa...

Una buona notizia c'è ed è quella dell’abrogazione dell'Iva sulle mascherine e il relativo prezzo bloccato. Si tratta di due proposte avanzate di Fratelli d'Italia fin dall’inizio, bocciate da Pd e 5 stelle e - improvvisamente - ritenute valide, giusto per poterle scippare ai proponenti".

È quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli intervistato tramite skype su Radio Radicale.

https://www.youtube.com/watch?v=RQrDPo_0STM

Stampa

Covid, Rampelli: Ministro Lamorgese spieghi cosa sta accadendo all'hotel Capannelle. Focolai allarme sanitario e sociale

“Preoccupa la situazione all’Hotel Capannelle dove la settimana scorsa sono stati trasferiti i migranti positivi del Selam Palace, l’edificio occupato alla Romanina che ospita circa 600 rifugiati e dove sono risultate positive circa 20 persone. E’ notizia di ieri sera che un ospite avrebbe dato in escandescenza causando l’intervento delle Forze dell’Ordine, secondo episodio in tre giorni, e fosse positivo al Covid.

Non si tratta più solo di un allarme sanitario, focolai incontrollati che Fdi ha denunciato a tutti i livelli in primis in Parlamento, ma anche sociale vista la preoccupazione dei residenti del quartiere Statutario-Capannelle. Zona inadatta al trasferimento poiché già in sofferenza con la presenza di una clinica di riabilitazione, con 50 casi, e due Rsa ancora non colpite da casi Covid ma che potrebbero essere a rischio. Il ministro dell’Interno Lamorgese spieghi cosa sta accadendo all’Hotel Capannelle, migranti che continuano a scorrazzare in giro per le strade e la struttura che ancora non si capisce se sarà utilizzata solo come centro Covid oppure - e questo sarebbe intollerabile - se a fine emergenza gli ospiti verranno lasciati come residenti all’interno dell’albergo”.

E’ quanto dichiara n una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi. 

Stampa

Assembramenti 25 aprile, Rampelli: Chi ha deciso di non sanzionare? Ministro Lamorgese si dimetta (video)

“Il ministro Lamorgese si dimetta. Chi le ha ordinato di non far sanzionare quei prepotenti che oggi hanno sfilato in piazza con le bandiere rosse? Chi ha deciso che mentre la gente soffre in casa, non si possono celebrare funerali né matrimoni, non si possono raggiungere i propri partner, i credenti non possono avere la messa, i comunisti sono al di sopra della legge e possono fare manifestazioni come accaduto oggi a Roma?

E che senso ha lasciare il Capo dello Stato solo all’Altare della Patria, senza nemmeno gli onori militari, mentre in alcuni quartieri della Capitale c’era libertà di assembramento? Di queste persone esistono filmati e foto, si risalga all’identità e si perseguano comunque”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=dnRqxZEcLao