Stampa

Manovra, Rampelli: Commissariati dall'UE

“Quello di oggi è il commissariamento da parte dell'Europa. Se ci fosse stata una manovra attenta alla crescita che avesse fatto investimenti e rilanciato il Sud ora forse non saremmo con le spalle al muro dopo aver sbandierato ai quattro venti la nostra autonomia". È quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia interpellato dai giornalisti in merito all’accordo trovato tra la Commissione Europea e il governo Conte sulla manovra.

Stampa

Capitano ultimo, Rampelli: Cronaca di un attentato annunciato

“Salvini dovrebbe farsi un esame di coscienza. Quello che è accaduto a Sergio De Caprio era talmente prevedibile che è accaduto. Avevamo fatto appello al Governo affinché non venisse revocata la scorta. Ci stupiamo ancora che di fronte alla conclamata assenza dello Stato nelle periferie, che mette in pericolo la vita di tutti i cittadini, si possa prendere una decisione di tale gravità che lede la sicurezza di colui che ha arrestato il boss dei boss Totò Riina, ma anche quello di chi vive nei territori più disagiati. Che la scorta al Capitano Ultimo venga dunque immediatamente ripristinata e non di commettano più tali leggerezze che suonano un po’ anche come vendette interne. A lui e alla sua famiglia, giunga la nostra solidarietà”.

È quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Stampa

Sport nelle scuole, Rampelli: Voto a favore ma iter complesso e inefficace

“Fratelli d’Italia ha vota a favore dell’introduzione dell’attività sportiva nelle scuole primarie, avendola proposta e formalizzata prima di ogni altro.
Resta il fatto che questa pdl altro non è che una delega al governo il cui iter sarà lunghissimo ed entrerà in vigore non prima di 3 anni. Nonostante la semplicità e la sostanziale unanime condivisione della necessità di introdurre lo sport nella scuola primaria, i pentaleghisti hanno preferito prolungare l’iter, renderlo farraginoso, neppure fosse una legge per la fusione nucleare. A tutto questo si aggiunge la mancanza di investimenti, tanto che la legge non dovrà creare nuovi oneri per lo Stato. Non si parla dello stato pietoso delle palestre scolastiche italiane, non si cita il rapporto di Cittadinanza Attiva sullo stato delle nostre palestre secondo cui il oltre il 60% dei locali sportivi nelle scuole sono fatiscenti, inadeguati o inesistenti (il 30% delle scuole ne é privo).  Se la nostra proposta poteva diventare legge subito, sancendo finalmente l’inizio di un nuovo ciclo magari applicata già dal nuovo anno scolastico, questo testo unificato rende tutto molto più complicato. Se non inutile”.
 
È quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia, primo firmatario della proposta di legge sulla pratica sportiva confluita nel Testo Unificato.
Stampa

Bolkestein, Rampelli: Proroga è soluzione monca, Governo taglia fuori ambulanti e guide turistiche

“La notizia da parte del Governo circa la proroga che consente per i prossimi 15 anni di escludere dall’applicazione della direttiva Bolkestein i lavoratori del comparto balneare è una soluzione monca. Ricordiamo all’esecutivo che la sciagurata direttiva deve essere risolta attraverso la fuoriuscita definitiva, cosa che hanno fatto altri paesi Ue. Per evitare che società straniere si trovino a poter gestire il patrimonio nazionale, non solo le nostre coste e gli arenili, ma anche piazze e monumenti occorre essere determinati. Questa maggioranza pasticciata, finora, ha dato il via libera a una proroga dei termini per l’applicazione della direttiva solo per i balneari, una mezza misura che oltretutto esclude i commercianti su aree pubbliche e le guide turistiche. In questo modo vengono puniti tutti, ma specialmente operatori di fiere e mercati, guide turistiche abilitate e i rispettivi indotti. 5 Stelle e Lega Nord si sveglino, se non hanno il fegato per estromettere le categorie produttive dai diktat europei estendano almeno la proroga anche agli ambulanti e alle guide turistiche, anziché lasciarli in balia della concorrenza sleale”.
E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.
Stampa

Manovra, Rampelli: Junker e Conte amici per la pelle. Eurocrati commissariano Salvini e Di Maio

“La manovra economica pentaleghista doveva essere una crociata contro gli eurocrati e invece, a causa degli scarsi investimenti e delle ‘regalie di cittadinanza’, si è trasformata in una Caporetto per i due vicepremier Di Maio e Salvini. Penoso il tentativo di salvare la faccia con l’uso del numero ‘4’, dal 2,4% al 2,04%, un tentativo maldestro di ingannare gli italiani.
Eppure questi decimali in meno di deficit corrispondono ad almeno 8 miliardi di euro in meno sulla manovra, soldi che andranno sottratti e renderanno ancora più insipida la legge di bilancio. Insomma, tante urla, strepiti, assalti virtuali all’Ue e ora una miserevole ritirata sotto i colpi di Junker”. E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.
Stampa

Capitale, Rampelli: Raggi accenda telecamere negli impianti rifiuti e chieda esercito per presidiare campi nomadi

“La richiesta al Viminale della sindaca di Roma suona come la classica chiusura della stalla a buoi scappati. Tutti conoscevano la grande tensione sociale che c’era intorno al Tmb Salario, ma la Raggi non ha neppure verificato lo stato della manutenzione del sistema di video sorveglianza, disattivato clamorosamente dal 7 dicembre né in genere ha ritenuto di dover potenziare il sistema di sicurezza. Eppure il fenomeno dei piromani che bruciano rifiuti e impianti di trattamento è risaputo, visti i tragici episodi avvenuti in Italia, anche vicino Roma. Bene ha fatto la Procura a sequestrare il dispositivo di video sorveglianza, anche se ci aspettiamo ora l’incriminazione sua e di Zingaretti per procurato disastro ambientale.  Anche a causa della reticenza nel chiedere al Governo di presidiare con l’esercito i campi nomadi per porre fine a un altro quotidiano fenomeno che rende irrespirabile l’aria della periferia, quello dei roghi tossici. Al contrario, mentre i roghi dei rom impazzano e cittadini si ammalano la sindaca Raggi vuole premiarli concedendogli le case popolari”.
E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.