Stampa

Unindustria-Roma, Rampelli: La capitale sprofonda e gli industriali scappano

“I dati drammatici sul declino progressivo della Capitale hanno superato il punto di non ritorno. Se non si prendono provvedimenti, Roma rischia di trasformarsi in una città fantasma governata da zombi. Fa bene quindi Unindustria a sottolineare il disinteresse del sindaco Raggi e dell’intera amministrazione.  La Capitale ha perso Pil, ha perso aziende e occupati, trasporti, qualità della vita, decoro e rifiuti sono diventate emergenze tali da indurre ad abbandonare la città e a incattivire i residenti. Una volta vivere e lavorare a Roma rappresentava uno status, oggi è una piaga. Il declino è così profondo ed edemico che è necessario chiamare in causa anche  il governo nazionale, con la Lega troppo  sbilanciata al Nord e i 5Stelle omertosi per via della Raggi. C’è qualcuno che ha ancora il coraggio di parlare di autonomia regionale con la Capitale così ridotta, invece di dotarla di un piano straordinario di rilancio per renderla competitiva con Berlino, Londra, Parigi, Madrid. Basta con le denunce, basta con le derive ideologiche regionaliste che producono un ulteriore declino dei Comuni, unici e insostituibili anelli di congiunzione con i cittadini. È ora che il Governo Conte lavori per Roma e la sua area vasta, è ora che cessino i pregiudizi, è ora che la Raggi lasci il passo a persone capaci. La ricreazione è finita”.

È quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Stampa

Foglietta, Rampelli: Valorosa consigliera e donna straordinaria, intitolazione aula consiliare municipio Roma XV è lezione di civiltà

“Oggi pomeriggio ho partecipato, presso il Municipio XV, all’intitolazione dell’Aula consiliare all’ex consigliera di Fratelli d’Italia Isabella Foglietta, a un anno dalla scomparsa.
Donna straordinaria, persona di grande umanità e generosità,
Isabella è stata una valorosa consigliera e nel 2016 la scegliemmo come candidata alla presidenza del Municipio per il suo impegno sociale, la sua attività sul campo delle pari opportunità, il suo lavoro in Confartigianato come imprenditrice.
Sempre pronta a far prevalere le ragioni della coesione e dell’armonia, ha avuto oggi un riconoscimento unanime e commovente delle sue doti, con maggioranza e opposizione che hanno votato all’unanimità la proposta di intitolazione avanzata dalla Commissione Pari Opportunità del Municipio. Un sigillo alla storia di Isabella e una lezione di civiltà che rimarrà scolpita nella storia di una città spesso teatro di contrapposizione barbare e violente. Al Presidente Stefano Simonelli e a tutti i gruppo consiliari giunga il mio ringraziamento”.

E’ quanto ha dichiarato Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi, intervenendo all’intitolazione dell’Aula consiliare del Municipio XV dedicata alla consigliera di Fdi Isabella Foglietta.

Stampa

Editoria, Rampelli: Preoccupazione per decisione unilaterale dell'editore del giornale

“La decisione della Società europea edizioni di chiudere la redazione romana de ‘Il Giornale’, accolta dal silenzio del sottosegetario Crimi e della sindaca di Roma,  rappresenta un altro duro colpo  nel panorama dell’informazione. Una scelta che, oltre a minare la storica reputazione del quotidiano, costituisce un attacco ai più elementari rapporti di lealtà e confronto tra editore, giornalisti e poligrafici. Si tratta di un comportamento unilaterale che non offre spazio a negoziazioni: i professionisti si troveranno a scegliere, nell’arco di nemmeno un mese- il minimo previsto dalla legge- di lasciare Roma e trasferirsi a Milano o presentare le dimissioni. Siamo tornati all’anno zero delle relazioni tra datore di lavoro e lavoratori. Ci auguriamo ci siano margini per un ripensamento. Per Roma sarebbe importante contrastare una tendenza che ha visto altre fughe aziendali come quelle di Sky, Mediaset, Libero, tra i media e   Opel, Consodata, Italchimici, Mylan, Baxalta tra le  altre grandi società”.

Stampa

Periferie, Rampelli: M5s e Lega nord tradiscono le periferie (video)

“La Lega di Salvini e il Movimento 5 stelle hanno tradito le periferie bocciando oggi la proposta di conferma della commissione d’inchiesta che avrebbe dovuto proseguire il suo lavoro per monitorare e approfondire lo stato della sicurezza e del degrado nelle periferie italiane. L’80% degli italiani delle grandi città vive nei cosiddetti ‘non luoghi’ collocati ai bordi delle metropoli e rivendicano il diritto a essere assistiti e difesi dallo stato di abbandono in cui sono sprofondati. Nonostante M5S e Lega Nord fossero nella scorsa legislatura favorevoli, oggi c’è stato un clamoroso ripensamento, probabilmente utile a evitare che l’attività della commissione renda palesi i drammi autentici che si stanno consumando nella periferia romana. Insomma, per fare un favore alla Raggi si puniscono 18 milioni di persone che risiedono ai margini delle grandi città. La maggioranza pentaleghista invece di rilanciare con l’istituzione di un Ministero per le periferie s’incarta in una decisione incomprensibile che va contro gli interessi dei cittadini più svantaggiati”.

È quanto ha dichiarato in aula il deputato di Fratelli d’Italia Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera dei deputati, intervenendo sulla proposta di legge istituzionale di una commissione d’inchiesta sulle periferie.

https://www.youtube.com/watch?v=NEj77fRcams

Stampa

Reddito di cittadinanza, Rampelli: Con i giovani per dire no

Domani, giovedì 21 marzo alle ore 14, presso la sala stampa della Camera dei deputati, in via della Missione 4, il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli presenterà la campagna nazionale contro il ‘Reddito di Cittadinanza’, organizzata da Gioventù Nazionale, l’organizzazione giovanile di Fratelli d’Italia.

Partecipano: Fabio Roscani, Presidente Nazionale di Gioventù Nazionale e  i deputati di Fratelli d’Italia Augusta Montaruli,  Emanuele Prisco, Walter Rizzetto.

La conferenza sarà visibile su https://webtv.camera.it/conferenze_stampa

Stampa

De Vito, Rampelli: Tè caldo, babbucce e copertina di lana. A casa!

Onesti o colpevoli che siano devono lasciare in pace Roma ridotta allo stremo, e andarsene

“Non faremo conferenze stampa con le arance sul tavolo, cadute di stile da tagliagole che non hanno nulla a che vedere con la politica, la dialettica, il confronto tra opinioni diverse. Le lasciamo ai cialtroni strutturali penta stellati. Le intercettazioni telefoniche, immancabili e a orologeria, ci danno già il sapore di un modo sporco di fare politica. La magistratura giudicherà se anche illegale. Ma tanto basta. Rappresentare il popolo invocando l’onesta e trovarsi a brigare per ottenere vantaggi per sé e i propri amici è innanzitutto desolante. A tale indiscusso tradimento va aggiunto il vero problema di questi svalvolati dei 5 stelle: un’incompetenza crassa, una social-confusione patologica, un’incapacità di governo imbarazzante. Onesti o colpevoli che siano devono lasciare in pace Roma, ridotta allo stremo, e andarsene. In fondo una tazza di tè caldo, un paio di babbucce e una copertina di lana possono aiutare a riscoprire una soporifera quanto necessaria vocazione domestica. A casa”. È quanto scrive su Facebook il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.