Stampa

Violenza neofascista, Rampelli: Mozioni Fiano e altri, ci risiamo...

"Ecco che arriva la mozione Fiano sulla violenza neofascista e neonazista, cui fa eco la mozione a firma M5S e Lega Nord sulla violenza neofascista e neonazista. A parte il giudizio severo nei confronti di chi si professa restauratore di regimi che non esistono più, diventandone esilarante caricatura, resta inverosimile constatare che in nessuna mozione si condannino le privazioni fisiche, morali e religiose del radicalismo islamico, non ci sia menzione delle guerriglie organizzate ciclicamente da anarco insurrezionalisti, ultracomunisti e centri sociali, né si sfiori il tema drammatico della persecuzione dei cristiani nel mondo o l’efferatezza con cui colpisce la mafia nigeriana. Forse ai promotori sfugge che in questa precisa fase storica le odiose violenze, le privazioni di elementari libertà politiche e religiose, gli stupri di gruppo sono da attribuirsi a coloro che si richiamano a islamismo radicale, estremismo comunista, insurrezionalismo anarcoide e a bestiali pratiche criminali. Almeno la compiacenza di citare gli uni e gli altri... "E' quanto ha scritto sulla sua bacheca Facebook il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d'Italia.

Stampa

Mostre, Rampelli: Al complesso di Vicolo Valdina esposizione del maestro Alessandro Romano

Dal 17 dicembre al 10 gennaio la Camera dei deputati ospita le opere dello scultore noto in tutto il mondo

Si svolgerà venerdì 14 dicembre 2018 alle ore 12 l’anteprima nazionale de ‘La via dolorosa’ mostra del maestro Alessandro Romano, scultore di prestigio internazionale le cui opere sono esposte nella Basilica di San Pietro, in molte città italiane e internazionali.

Partecipano all’inaugurazione il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli, che ha promosso la mostra, e il componente della commissione Cultura Federico Mollicone di Fratelli d’Italia.

L’esposizione, che ha luogo presso il Complesso di vicolo Valdina piazza di Campo Marzio 42, sarà aperta al pubblico da lunedì 17 dicembre alle ore 17 a giovedì 10 gennaio dalle 10 alle 18.

SCARICA LOCANDINA

Stampa

Tmb Salaria, Rampelli: Già depositati atti parlamentari per chiusura immediata impianto

“Come volevasi dimostrare è accaduto al Tmb Salario quello che anche uno sprovveduto avrebbe immaginato. Vedremo quale sarà la diagnosi sulle cause dell’incendio, ma anche se si trattasse di rogo doloso il Campidoglio si sarebbe dovuto premunire, viste le forti tensioni sociali, prevedendo una sorveglianza di polizia privata. Un altro episodio d’insipienza e incuria che viene pagato dai cittadini. Ricordo che, in seguito alla manifestazione dei comitati sotto Montecitorio e al conseguente colloquio con una delegazione, ho depositato atti parlamentari con i quali si richiedeva la chiusura immediata dell’impianto per la sua insostenibilità ambientale e la sua incompatibilità con la salute pubblica”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Manovra, Rampelli: Roma è Capitale d'Italia e di tutti, ma Salvini quando ne parla ci mette sempre vicino Milano

“Salvini dichiara, al termine dell’incontro lombardo con Confindustria, che nell’ultimo budget sono stati inseriti i fondi per la metro di Milano e di Roma. Quando vedremo questi fondi sostituire le dichiarazioni ne riparleremo e applaudiremo, nel frattempo non si può non notare che ogni volta che si parla di Roma, simmetricamente si deve parlare di Milano. È un modo indiretto per confermare che la strada per trasformare la Lega Nord in un autentico partito nazionale è ancora lunga. Roma è la capitale d’Italia, capitale di tutti, anche di coloro che risiedono o lavorano al nord e un governo che non ha pregiudizi storico-geografici deve investirci sopra, come hanno fatto Germania, Francia, Regno Unito, Spagna destinando decine di miliardi sulle loro capitali. Roma ha un’estensione territoriale pari a dieci volte Milano e una popolazione pari a più del doppio, anche la città metropolitana che gli sta intorno ha numeri per superficie e per abitanti di gran lunga superiori. Questo al netto delle funzioni esercitate, cento volte più onerose, tra cui quella di contenere un intero Stato e il più grande patrimonio culturale e archeologico del mondo. Il vicepremier della nazione quando parla della Capitale non è necessario che subito dica di Milano e Monza, quasi si debba giustificare con il suo elettorato, cresciuto a pane e ‘Roma ladrona’. Questi pregiudizi hanno messo in ginocchio la capitale d’Italia e fatto precipitare la qualità della vita dei romani, specialmente di coloro che risiedono in periferia”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Manovra, Rampelli: Questa legge bilancio è una burla

“La legge di bilancio è la più rilevante che possa affrontare un Parlamento. Ci troviamo di fronte a una ‘legge burla’ perché non sappiamo ancora quale sarà la disponibilità complessiva di risorse che saranno impegnate, a causa della procedura d’infrazione avviata dall’Unione europea per lo sforamento eccessivo del tetto deficit/Pil. Non sappiamo nulla di come saranno articolati il reddito di cittadinanza e la quota 100, mentre esodati e precari sono finiti nel dimenticatoio e i disoccupati crescono a decine di migliaia. Sappiamo però che 16 miliardi su 22 saranno destinati a queste voci e saranno spesa corrente. Ma per fare spesa corrente in maniera così cospicua occorre prima creare nuova ricchezza e questo si rende possibile solo con gli investimenti, le opere pubbliche, il taglio delle tasse, la crescita, lo sviluppo. Prima di porsi il problema di redistribuire la ricchezza, per intenderci, occorre costruirla. E questa manovra non si pone proprio il tema, visti gli irrisori numeri che sono sugli investimenti.La scelta fatta è quella di chi non ama il proprio popolo perché, come ci ricorda Sant’Agostino, “la misura dell’amore è amare senza misura” e invece il governo pentanordista fa assistenzialismo per avere voti alle elezioni europee; non lavora per garantire un futuro all’Italia, ma per accrescere il suo consenso elettorale e fabbricare poltrone a Strasburgo”.
E’ quanto ha dichiarato Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi intervenendo in Aula durante la discussione sulla Legge di Bilancio.
 
https://www.facebook.com/FdI.paginaufficiale/videos/342635809887335/
 
Stampa

Governo, Rampelli: Ai ferri corti su global compact e manovra, meglio staccare la spina

“Mentre da giorni la maggioranza di governo non sapendo che fare sulla manovra blocca i lavori della commissione Bilancio, sul Global Compact pur di non prendere una posizione univoca sull’eventuale adesione dell’Italia all’accordo capestro che porterebbe un fiume di immigrati sulle nostre coste, M5S e Lega si rifiutano di venire in Aula, scappano davanti alle richieste di Fratelli d’Italia e imbavagliano il Parlamento. I nodi, anche quelli politici, prima o poi vengono al pettine e se ora gli alleati di governo sono sempre più ai ferri corti, fino a rendere ridicoli i lavori sulla finanziaria e imperscrutabile il destino sul Global compact, forse è meglio staccare la spina. Per il bene di tutti”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.