Stampa

Capitale, Rampelli: Lezioni di arabo? Non è il caso di inserirli nelle scuole dell'obbligo

“E’ discutibile la scelta presa da una scuola della Capitale, l’Istituto Comprensivo Statale ‘Nando Martinelli’ che ospita l’infanzia, la primaria e le medie, di inserire lezioni di lingua araba. Ci sembra un fatto positivo che già dalla scuola dell’infanzia i bambini familiarizzino con altre lingue, oltre l’italiano. Ma pensiamo sia giusto farlo nei confronti delle lingue occidentali, inglese e spagnolo prime fra tutte, insieme a francese e tedesco. Per l’arabo o il cinese arriverà il tempo delle scuole di specializzazione o dell’Università, non ci sembra quindi il caso di inserirli nella scuola dell’obbligo. Sulla vicenda ho presentato un’interrogazione al ministro dell’Istruzione Fioramonti. Va poi detto che non si è sereni nell’esprimere un giudizio sulle tali scelte dei dirigenti scolastici anche a causa del clima generale in cui ci si trova catapultati con proposte di rimozione dei crocifissi, divieto di realizzazione di presepi o loro trasformazione in ‘villaggi globali’. E ancora, l’imposizione di menù etnici, l’abrogazione della carne di maiale dai tortellini e altre castronerie autolesionistiche, tanto per demolire l’identità culturale italiana ed europea a vantaggio di abitudini e stili distanti anni luce dalla nostra civiltà ed espressione di quel mondo islamico così bello da contemplare ma assolutamente distante dalla concezione occidentale della persona e della società”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Alessandria, Rampelli: Pensiero a famiglie vittime vv.ff. e a pompieri e carabiniere rimasti feriti

“Profondo cordoglio per la tragedia a Quargnento, in provincia di Alessandria, dove tre vigili del fuoco sono morti in seguito all’esplosione di un edificio disabitato. Un pensiero alle famiglie delle vittime e alle altre tre persone, due pompieri e un carabiniere, rimasti feriti dalla deflagrazione. Al Corpo dei Vigili del Fuoco giunga il nostro sostegno, sempre in prima fila, con passione e professionalità impagabili, a rischiare la vita per proteggerci da disastri e ed emergenze”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Manovra, Rampelli: 'Governo di plastica', sinistra e 5 stelle litigano anche su tasse da pagare

“Mentre nel 2021 la plastica monouso sarà messa al bando in tutta Europa, l’esecutivo rossogiallo lo stesso che si è vantato di bloccare l’aumento dell’Iva ha deciso di tassare tutti i prodotti monouso, dalle buste dell’insalata alle vaschette per gli alimenti in polietilene. Altra stangata inutile e infruttuosa.

Con la tecnica del vuoto a rendere, adottata in varie nazioni europee, si fanno pagare profumate bottiglie e contenitori, ma si restituisce alla riconsegna l’80% del totale. Così l’acquirente è portato a restituire il contenitore per avere indietro i suoi soldi, il contenitore viene recuperato e restituito ai produttori, che ricominciano la filiera industriale senza immettere nuova plastica e nuovo polietilene nel mercato. Il tutto in maniera molto più efficace ai fini della riduzione dei rifiuti di plastica e a costo zero per il cittadino... È così difficile?”

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Legge bilancio, Rampelli: Manovra? Dl espansivo, per utilizzare parole Conte, ha solo tasse e anche tante

“La seconda versione della manovra economica, sbandierata dall’esecutivo dopo il vertice di maggioranza di ieri, conferma una legge di bilancio gonfia di imposte. Un documento alla buona, per rabbonire l’elettorato di sinistra e 5 Stelle, tentando di recuperare voti dopo la batosta umbra. Con una mano si stoppa l’aumento della cedolare secca sugli affitti e con l’altra fioccano le tasse, dalla plastica ai prelievi sulle vincite sopra i 500 euro. Nessun intervento concreto per allentare la pressione fiscale e dare impulso alla produzione, ancora assenti misure per gli investimenti. Dal governo una stangata agli italiani, una manovra che di espansivo, per utilizzare le parole di Conte, ha solo tasse e anche tante”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Libere professioni, Rampelli: Bene approvazione mozione FdI, professionisti rappresentano economia e tradizione culturale italiana

“Ci riteniamo soddisfatti per l’approvazione da parte della Camera della mozione di Fdi sulle iniziative a sostegno delle libere professioni e delle imprese. Per la prima volta il Parlamento dedica una sessione del suo lavoro al mondo sterminato e sofferente delle libere professioni e lo fa grazie a noi.
Abbiamo ottenuto dal governo con la maggioranza dei voti dell’aula l’impegno ad applicare il principio dell’equo compenso per le prestazioni svolte a favore di pubbliche amministrazioni, grandi imprese, banche e assicurazioni (su cui giace anche una proposta di legge a mia firma che a questo punto verrà forse esaminata). Accesso al credito per i professionisti e tutela delle farmacie italiane. Creazione di un osservatorio sul mercato del lavoro per le partite iva, riconoscimento del marchio di legalità per i consulenti del lavoro, conferimento dello status di pubblico ufficiale dei medici per tutelarli dalle frequenti aggressioni nel corso delle loro funzioni. Salvaguardia dei giornalisti vittime di intimidazioni e violenze. Un primo passo, dopo decenni di indifferenza, verso il pieno riconoscimento delle libere professioni, che di fatto rappresentano una tradizione culturale italiana messa a servizio degli interessi della comunità nazionale”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Umbria, Rampelli: Elettori hanno premiato compattezza cdx. Conte? Al suo posto mi sarei già dimesso

“L’Umbria una delle quattro regioni definite ‘rosse’, con il voto di domenica ha conquistato la democrazia nel senso più alto del suo significato perché se non c’è alternanza al governo la democrazia è menomata. La politica diventa altra cosa s’imbarbarisce, si aggroviglia sul clientelismo e sull’affarismo, sulla costruzione di facili carriere e non persegue gli interessi diffusi della comunità che intende rappresentare. Il risultato è stato eclatante, con 20 punti percentuali di vantaggio in favore del centrodestra in una regione da sempre governata dalla sinistra, Fdi è l’unica forza politica che cresce anche rispetto alle elezioni europee, siamo un partito a due cifre con una crescita graduale e costante. Gli elettori vogliono un quadro semplificato e hanno premiato la compattezza del centrodestra, che ha vinto tutte le elezioni regionali degli ultimi due anni e ha polverizzato il centrosinistra nelle europee. L’Umbria dunque è stata una prova da ‘sprofondo rosso’ che ha condannato il matrimonio sperimentale tra Pd e 5 Stelle a un fallimento inconfutabile. Questa sequenza di clamorose vittorie da parte del centrodestra, in ultimo quella di domenica, dovrebbe indurre il governo a lasciare la parola ai cittadini con elezioni anticipate. Io al posto di Conte mi sarei già dimesso per una questione di dignità”.

E’ quanto ha dichiarato Fabio Rampelli, vicepresidente e deputato di Fdi, intervenendo questa mattina su Rai Radio1 alla trasmissione ‘Radio Anch’io’.