Stampa

Rai, Rampelli: Si utilizzino le graduatorie per assunzione giornalisti, no a nuovo concorso

“Per l’assunzione di nuovi giornalisti Rai, reputo inopportuno un nuovo concorso non solo per i costi esorbitanti che questo appuntamento implicherebbe ma anche perché esiste una graduatoria dalla quale attingere. La graduatoria scade il 15 ottobre e sembra che si aspetti questa data per indire un nuovo concorso, secondo le peggiori abitudini della politica, facendo strame delle aspettative di chi ha già affrontato un concorso. Questa possibilità infatti pare sia ben vista in alcuni settori politicizzati della Rai che potrebbero forse puntare a ‘gestire’, insieme a qualche ‘politico’ un pacchetto di risorse umane di oltre 5mila giornalisti che aspirano a entrare nella tv pubblica, ma questa scelta maldestra sarebbe arbitraria e non in linea con la legge. Un emendamento a firma dell’ex presidente della commissione Bilancio Francesco Boccia,  approvato e inserito alla legge di Bilancio 2018 licenziata dal Parlamento nel dicembre 2017, comma 1096,  dispone che l’azienda ‘può avviare, in un’ottica virtuosa di risparmio a medio-lungo termine, immissioni in organico di figure al livello retributivo più basso, attingendo in primis al personale idoneo inserito nelle graduatorie 2013 e 2015 di giornalisti professionisti riconosciuti idonei’. Mi auguro che il nuovo Cda della Rai disponga una proroga della scadenza e prima di bandire un nuovo concorso attinga da lì i giornalisti di cui ha bisogno”.
 
È quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli.
Stampa

Rai, Rampelli-Mollicone: A che titolo presenza Cottarelli su tv di Stato? Pronta interrogazione in vigilanza

“In queste ultime settimane abbiamo notato la meticolosa costanza con cui Carlo Cottarelli viene invitato come ospite in diverse trasmissione Rai, in particolare da Fabio Fazio a ‘Che tempo che fa’. Dalle accademie ai salotti televisivi il professore – già ex commissario alla Spendig Review e incaricato presidente del Consiglio senza maggioranza all’indomani del voto del 4 marzo scorso - discetta su conti, manovra e legge di bilancio. Una serie di ospitate sulla tv di Stato come ‘operazione simpatia’ per poterlo imporre di nuovo? A questo punto il sospetto della sua ossessiva presenza diventa legittimo, pertanto presenteremo un’interrogazione in commissione Vigilanza Rai per chiedere a che titolo Cottarelli venga chiamato in televisione e quali siano i criteri di scelta degli ospiti nelle trasmissioni Rai”.

E’ quanto dichiarano in una nota congiunta Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e parlamentare di Fdi, e Federico Mollicone deputato di Fdi e componente della commissione Vigilanza Rai.

Stampa

Bullismo, Rampelli: Stato intervenga per dare alla scuola strumenti per contrasto violenza

“Il bullismo rimane una delle piaghe sociali da combattere, come evidenziano i numerosi casi di cronaca a livello nazionale che vedono coinvolti soprattutto gli adolescenti e, spesso anche bambini, presi di mira, derisi e insultati ormai anche sui social. Un fenomeno che imperversa grandemente nelle scuole e che mette a rischio sia gli studenti che il corpo docente – ha dichiarato Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato Fdi, intervenendo al convegno organizzato dal sindacato Gilda Roma presso l’Hotel D’Azeglio, in occasione della giornata mondiale dell’insegnante. Gli studenti di oggi saranno l’avanguardia di domani, i capifila della nostra comunità nazionale, occorre quindi sostenerli. Offrirgli gli strumenti culturali per non scadere nell’ignoranza, non cedere alla volgarità, non emulare gli epigoni della violenza, non disconoscere l’autorità scolastica, non disprezzare gli insegnanti fino a minacciarli, non immiserirsi nel dialogo compulsivo delle chat che emargina i sentimenti, non sballarsi di droghe e alcol ma essere campioni di vita, amicizia, amore, coraggio, onore, solidarietà. Dall’altra, i ‘prof’ sono fondamentali per vincere la sfida con la ‘società liquida’, lo Stato deve dargli gli strumenti per combattere e loro devono sentirsi più ‘maestri di vita’ e meno ‘amichetti’. Mi riferisco alla tendenza di quegli inguaribili distruttori delle gerarchie naturali che provengono dal ‘sessantotto’ e iniziarono per primi a disarticolare i valori dalla società – ha concluso Fabio Rampelli”.

Stampa

Sicurezza, Rampelli: Al Pres. Mattarella, con il massimo rispetto ma la protezione umanitaria non rientra negli accordi internazionali

“Con il dovuto rispetto per la massima carica dello Stato, mi permetto di segnalare che la cosiddetta ‘protezione umanitaria’ non rientra negli accordi internazionali. Mentre sul fronte del rispetto dell’asilo politico non si può derogare al principio sancito dall’art. 10 della Costituzione.
La ‘protezione umanitaria’ di fatto si configura come un permesso di soggiorno straordinario, totalmente slegato da condizioni di pericolo dell’immigrato, è un’anomalia tutta italiana che va oltre le protezioni previste dagli accordi internazionali e dalla nostra Carta. La si può condividere o meno, non le si può stravolgere la natura”.
 
È quanto dichiara il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.
Stampa

Rifiuti, Rampelli: Interrogazione al Governo. Rimpallo tra comune e regione lascia Roma in emergenza

“Il futuro della Capitale passa anche per la gestione del ciclo dei rifiuti, inceppato da anni dallo stucchevole rimpallo tra la sindaca di Roma e il presidente della Regione Lazio che ancora non hanno trovato la quadra per l’individuazione di nuovi impianti di trattamento e smaltimento. Il rimpallo tra i due è solo la punta dell’iceberg di una situazione giunta ormai al collasso dove i servizi di spazzamento risultano inefficienti, come evidenziato anche dai dati pubblicati in questi giorni dall’Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici del Campidoglio. I centri di stoccaggio sono nettamente saturi, con i residenti del Salario esasperati per i miasmi dovuti all’impianto, la raccolta differenziata è ferma al palo e per finire in bellezza il Comune non ha ancor approvato il Bilancio della municipalizzata che si occupa della gestione dei rifiuti mandando in tilt tutti i municipi, con gravi disservizi sia ai residenti che agli esercenti. Roma è in emergenza e chiederò con un’interrogazione urgente al ministro dell’Ambiente cosa intenda fare per porre rimedio alla condizione da terzo mondo che patiscono i cittadini della Capitale”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Def, Rampelli: Moscovici dà lezioni col deficit degli altri

“Moscovici oggi dà lezioni all’Italia ma quando era ministro dell’Economia e delle Finanze s’impegnò con l’Europa a portare il Deficit/Pil della Francia al 3% . Il deficit francese in quegli anni era al 4.4%. Il miracolo riuscì a farlo persuadendo la Germania con impegni stringenti. Ma nessuno si permise mai dall’Unione Europea di gridare allo scandalo né di accusare la Francia di giocare allo sfascio. Siamo tutti bravi a parlare di austerity col deficit degli altri”. È quanto dichiara il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.