Stampa

Sea Watch, Rampelli: Governo applichi dl sicurezza bis e UE decida se vuole stare con i trafficanti di esseri umani

“L’ennesima Ong a un passo dalle coste italiane, e in particolare la Sea Watch già recidiva di sbarchi illegali, esattamente come la Diciotti, dimostra che la chiusura dei porti è una soluzione debole e che l’unico provvedimento concreto da adottare è il blocco navale. Il Pd, invece, con la delegazione a Lampedusa conferma che sinistra e illegalità sono ormai una sola cosa, d’altronde sostiene occupazioni e abusivismi di ogni genere. La nave Sea Watch va requisita, il Governo italiano agisca contro con chi non rispetta le regole e applichi il Dl Sicurezza Bis. L’Ue smetta con i tentennamenti e decida se stare con i trafficanti di vite umane”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Tav, Rampelli: Governo porti alta velocità fino a PAlermo per rendere commerciabili eccellenze sud in Europa

“Sulla Tav ci aspettiamo che il governo la realizzi portandola fino a Palermo, nel frattempo registriamo come il M5S sottovaluti ancora l’alta velocità. Agli assolutisti del ‘no’ forse non è chiaro che la questione non è portare l’alta velocità a Lione, ma realizzarla anche al sud per intercettare gli eccezionali flussi commerciali che si riversano da anni nel Mediterraneo. È così che di mette a sedere quell’Europa che non considera l’Italia”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Istat, Rampelli: Pressione fiscale s'impenna e tassa piatta incagliata tra baruffe Salvini-Di Maio

“Ancora una tegola sulla politica economica del governo pentaleghista: la pressione fiscale dei primi tre mesi dell’anno risulta essere del 38%, in aumento quindi dello 0,3% rispetto allo stesso periodo del 2018. Dall’Istat nuovi dati preoccupanti, si sacrificano ancora una volta consumi e investimenti. Non solo l’Italia non cresce ma gli interventi di defiscalizzazione per cittadini e aziende si sono arenati nel porto delle nebbie o nel caso della tassa piatta rimane incagliata tra le baruffe quotidiane di Salvini e Di Maio. Il Governo sembra navigare a vista, specialmente sulla politica economica e fiscale, mentre aleggia lo spettro della procedura d’infrazione”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Sea Watch, Rampelli: C'è un giudice a Berlino...

“C’è un giudice a Berlino. La sentenza della Corte di Strasburgo dimostra che la Sea Watch dovrebbe ‘tirare i remi in barca’ e smetterla con il favoreggiamento di queste finte operazioni umanitarie alle quali più nessuno crede. La musica speriamo sia finita. Per sempre”.

E’ quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Stampa

Capitan Ultimo, Rampelli: Bene restituzione scorta. Sentenza sana decisione sbagliata del Governo

“Lo abbiamo denunciato fin dall’inizio: era una vergogna lasciare Sergio De Caprio senza scorta. La sentenza del Tar del Lazio restituisce oggi onore e dignità al Capitano Ultimo e soprattutto sana la decisione sbagliata presa dal Governo italiano, che la revocò senza fondati motivi. Al Capitano Ultimo, principale artefice della cattura del boss mafioso Totò Riina, e a tutti gli uomini in divisa che si sacrificano ogni giorno per combattere il crimine va ancora una volta il nostro ringraziamento”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

UE, Rampelli: Conte isolato, prima si fanno le alleanze poi le proposte. Lega 5stelle fanno prove tecniche di elezioni anticipate

Stralci intervista di Radio Radicale al vicepresidente della Camera Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.
LEGA-5STELLE
“Stiamo assistendo alle prove tecniche di elezioni anticipate, ma anche no. Non è una contraddizione in termini. Per Salvini la tassa piatta è la condizione per continuare con il governo, qualora non ci fossero coperture si andrebbe probabilmente alla rottura. Giustamente Di Maio gli ricorda che è al governo e può tranquillamente indicare le poste da cui prendere i soldi necessari per l’operazione. Ai 10 miliardi di euro per la tassa piatta vanno aggiunti 23 miliardi per la sterilizzazione dell’Iva e delle accise, poi 10 – 15 miliardi di mancata crescita. Insomma per questa manovra i pentaleghisti dovranno reperire oltre 50 miliardi entro il 15 luglio. Data oltre la quale non si potrà più andare a elezioni anticipate per via dell’inizio della  manovra.  

CONTE E UE
“Il presidente del Consiglio Conte ha sbagliato strategia, l’arrendevolezza è un suo limite. Non si fanno proposte senza prima aver trovato alleanze. Allo stato non c’è stata neppure la capacità di  convincere Bruxelles a scorporare gli investimenti dal deficit. 

DEBITO PUBBLICO-DEBITO AGGREGATO
Debito pubblico non è l’unico parametro per misurare lo stato di salute di una nazione. Molto più efficace è l’esame del debito aggregato che contempla anche la solidità di banche, imprese e famiglie, così come il risparmio e la proprietà privata. L’Italia ha un debito pubblico del 130% mentre la Francia il 100% ma se si analizza lo stato di salute attraverso il debito aggregato, la Francia sprofonda mentre l’Italia risale. A questo parametro va aggiunto il debito nucleare, cioè 500 miliardi da reperire per la messa in sicurezza, la decontaminazione delle centrali nucleari e lo smaltimento delle scorie radioattive, partita che pesa specialmente su Germania e Francia. Debiti che non compaiono nei bilanci di alcuna nazione europea e che invece peseranno sulle future generazioni, si tratta infatti tecnicamente proprio di debito pubblico nascosto sotto il tappeto.