Stampa

Autonomie, Rampelli: Accellerare regolamentazione 116. Conte vuole scavalcare Parlamento, Fico e Casellati si oppongono

Scritto da Super User. Postato in Notizie

“In relazione a quanto detto oggi in Aula dal presidente Conte, durante il question time alla Camera, va sottolineato che fortunatamente non è prerogativa del Governo stabilire la procedura per rispondere alla richiesta di ulteriore autonomia dalle regioni. L’unica via maestra per portare avanti la procedura sarebbe normare l’articolo 116 della Costituzione, come dallo stesso previsto, e risulta quindi opportuno che tutti i gruppi parlamentari richiedano la calendarizzazione urgente di questa discussione. E Fratelli d’Italia ha già presentato una proposta di legge sulla materia. Ma nel caso in cui non ci fossero i tempi per normare preventivamente il 116, la procedura delineata per dai presidenti delle Camere diverrebbe, di fatto, un precedente. Dunque è improponibile immaginare che il Parlamento possa, in nome e per conto dello Stato, devolvere ulteriori poteri e competenze alle regioni senza un pieno passaggio all’interno dello stesso Parlamento. Cioè con discussione, potere di proposte emendative, votazione. Ci auguriamo che i presidenti Fico e Casellati respingano l’iter proposto dal premier Conte, che prevede un clamoroso quanto inaccettabile scavalco delle assemblee di Camera e Senato. Infine è opportuno ricordare al ministro Salvini, cui il tema è particolarmente caro, che è fondamentale legiferare bene in tempi congrui, perché la fretta che invoca - all’epoca della riforma del Titolo Quinto in salsa Pd - ha prodotto conseguenze devastanti per cittadini e imprese”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Stampa

Migranti, Rampelli: Sinistra difende penultimi ma dimentica gli ultimi, i fragili, gli sfruttati in Africa (video)

Scritto da Super User. Postato in Notizie

“Sui migranti la sinistra continua a mistificare la realtà e a indirizzare la propria presunta solidarietà ai penultimi anziché agli ultimi. Chissà perché... Ci si dimentica degli anziani, dei bambini, delle donne, dei disabili che non sono sufficientemente ricchi da potersi permettere di dare soldi ai trafficanti né sufficientemente forti da poter affrontare la traversata del deserto e quella del Mediterraneo. La sinistra anticamente tanto sensibile alla giustizia sociale e alla povertà si benda gli occhi davanti alle persone più fragili per rivolgersi invece a quelli che hanno pagato il pizzo a trafficanti e scafisti, si rivolge a quei migranti tra i 18 e 30 che una volta sbarcati in Italia finiranno, in rilevante quantità, nei circuiti della criminalità organizzata, del lavoro nero e della finta accoglienza. A chi esprimete dunque, signori del Pd, la vostra solidarietà? Al capolarato, alla criminalità organizzata, alla mafia nigeriana, ai gestori di racket e prostituzione? Difendere gli ultimi – quello che non fa più la sinistra – significa anche tutelare gli interessi nazionali e quelli dell’Africa, che ha diritto di liberarsi dallo sfruttamento del neo colonialismo liberista di matrice occidentale per essere libera e prosperosa. Occuparsi non solo dei nuovi schiavi che subiscono la tratta ma anche di quei disperati che restano a soffrire nelle nazioni africane. Se i governi di sinistra, invece di foraggiare il modello della finta accoglienza, avessero trasferito quei 6 miliardi di euro in Africa avremmo potuto realizzare infrastrutture, ospedali, dighe, pozzi, portare soccorso, medicinali e pasti, garantendo il diritto delle genti a vivere nella propria terra”.

E’ quanto ha dichiarato Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi, intervenendo in Aula in merito alla ‘discussione generale sul dl Sicurezza Bis.

https://www.youtube.com/watch?v=RW3dXTDXQNw

Stampa

Autonomie, Rampelli: Presenteremo pdl per Roma Capitale a avviare con le autonomie

Scritto da Super User. Postato in Notizie

“Le nuove autonomie regionali passino a due condizioni: che scuola e beni culturali rimandano allo Stato e che sia contestualmente differenziato il ruolo di Roma Capitale. Non si capisce perché nella bozza di governo alcune regioni debbano avere poteri speciali e lo stesso principio non sia considerato per Roma capitale. Non possono esserci due pesi e due misure. L’una senza l’altra non sta in piedi. Noi presenteremo una proposta di legge per Roma capitale, visto lo stallo di Lega Nord e 5 Stelle e la vergognosa inedia di Zingaretti e della Raggi”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi. 

Stampa

Borsellino, Rampelli: A Palermo per rinnovellare il dolore, la gratitudine e l'impegno contro tutte le mafie

Scritto da Super User. Postato in Notizie

“Nel ventisettesimo anniversario della sua uccisione, saremo lì a Palermo a rinnovellare, come ogni anno da quel maledetto 19 luglio 1992 la strage di via D’Amelio, il sacrificio di un uomo libero, di un magistrato esemplare, consapevole fino alla fine che il ruolo di Servitore dello Stato avrebbe comportato anche la sua eliminazione. E insieme a lui degli agenti della sua scorta.

Per noi, per la comunità politica e umana che intende provare a seguire il suo esempio, la fiaccolata del 19 luglio non è un appuntamento ma il rinnovarsi di un giuramento per liberare l’Italia da ogni mafia e ogni ricatto.

Paolo Borsellino avrà in eterno la nostra gratitudine ed è per questo che ci batteremo ancora per fare piena luce su quella vile esecuzione, per scovare e mettere dietro le sbarre i mandanti della strage, colpire senza pietà chi ha sfidato lo Stato per perseguire i suoi squallidi interessi di piccolo potere territoriale. Oggi come ieri: è meglio vivere un giorno da Borsellino che cento anni da Ciancimino”.

E’ quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia in partenza per Palermo per partecipare alle iniziative in memoria di Paolo Borsellino.