Articoli

Stampa

Incendio Prato, Rampelli: Stato chiuda fabbriche di morte e rispedisca a casa i clandestini

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

«La responsabilità della tragedia di Prato è di uno Stato indifferente e menefreghista, che negli ultimi vent’anni ha chiuso gli occhi di fronte a quello che accadeva nella città toscana. Le Istituzioni hanno ignorato il fatto che a Prato si stesse insediando una delle Chinatown più grandi del mondo, terza oggi solo a quelle di Londra e Parigi, con 40 mila cinesi di cui la metà clandestini.

Stampa

Ncd, Rampelli: Dopo applausi a Boffo manca solo la ola per De Mita

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

«Dopo gli applausi a Dino Boffo, storico esponente dell'area cattocomunista, ci attendiamo presto la ola per Ciriaco De Mita e il gioco è fatto. Angelino Alfano sia coerente e sostituisca presto la definizione di 'centrodestra' data al suo nuovo partito. Gli diamo un aiutino: lo chiami 'Partito dei trasformisti'. In Italia ce ne sono anche molti e avrebbe più successo di quello al quale sembra destinato».

Stampa

Comune, Rampelli: Marino ha simulato, sanzioni Rossin sarebbero irricevibili

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

"Sarebbe grave se la messinscena andata in onda in Assemblea capitolina qualche giorno fa, in cui il sindaco di Roma simula clamorosamente di ricevere una gomitata da Dario Rossin, avesse ripercussioni sanzionatorie nei confronti dell'esponente di Fratelli d'Italia. Sanzioni gravi e irricevibili non solo perché non è stata usata alcun tipo di violenza nei confronti del primo cittadino, ma soprattutto perché se di sanzione si vuole parlare allora andrebbe quantomeno redarguito Marino che, come tutti hanno visto attraverso immagini e video, ha nettamente simulato di essere stato colpito. Auspico quindi che il buon senso prevalga sulle ricostruzioni fantasiose. Che nessuno della maggioranza ceda alla triste tentazione di mistificare un gesto mai accaduto solo per fare ammuina sulla discussione di approvazione del bilancio".
Stampa

Privatizzazioni, Rampelli: Da svendita eccellenze cifra ridicola per abbattere debito

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

 «La svendita dei gioielli di famiglia che si appresta a fare il governo Letta è l'ennesimo colpo in aria e a scoppio ritardato sparato contro la crisi. Letta, figlio di Monti e cugino della Merkel, sta governando l'Italia su mandato di poteri finanziari sovranazionali, contro i cittadini italiani e l'interesse nazionale. La svendita delle aziende pubbliche in questa fase di depressione economica ci farà totalizzare un'elemosina e non servirà a nulla.