Articoli

Stampa

L.Elettorale, Rampelli: Aderisco a no porcellum day

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

«Aderisco al “No Porcellum day” promosso da Roberto Giachetti. Riformare subito la legge elettorale per ridare voce agli italiani e avere governi stabili».

 

È quanto scrive su Twitter il vicepresidente dei deputati di Fratelli d’Italia, Fabio Rampelli.

 

Roma, 31 ottobre 2013

Stampa

L.Stabilità, Rampelli: Brunetta chieda conto ignominie manovra a ministri pdl

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

«Prima di scagliarsi contro il ministro Saccomanni per la pessima legge di stabilità varata dal governo, Brunetta chieda conto delle ignominie contenute in questa manovra ai ministri del PdL che l’hanno approvata lo scorso 15 ottobre. Diventa ogni giorno più difficile capire come lo stesso partito pretenda di essere contemporaneamente forza di governo a Palazzo Chigi e forza di opposizione in Parlamento e sulla stampa. 

Stampa

Marrazzo, Rampelli: Gubitosi intervenga per valutare opportunità suo ritorno in rai

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

«Fratelli d’Italia chiede un intervento tempestivo del direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi per valutare con attenzione l'opportunità di un ritorno alla conduzione di Piero Marrazzo. Come noto, all’indomani delle dimissioni da presidente della Regione, Marrazzo è rientrato in Rai in ragione del contratto a tempo indeterminato che lo lega alla tv di Stato. E su questo non abbiamo nulla da obiettare. Il suo ritorno in video da conduttore, invece, potrebbe essere inopportuno fino a quando non si chiuderà una vicenda giudiziaria che ha ancora troppe zone d’ombra e che volente o nolente lo coinvolge».

Stampa

Ustica, Rampelli: Responsabili depistaggio siano processati per alto tradimento

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

«33 anni fa un missile fu sparato contro un aereo dell’Itavia da un caccia non identificato uccidendo 81 persone innocenti. Il governo dell’epoca depistò le indagini assecondando i voleri di potenze straniere invece di difendere la sovranità italiana e i diritti delle vittime e delle loro famiglie. Questa la verità accertata oggi dalla Cassazione, la stessa che esibimmo noi del ‘Fronte’ tra mille ostacoli. Ora la verità emerga fino in fondo: che il nostro popolo sappia se quel caccia era francese o americano, che i responsabili italiani dei depistaggi vengano processati per alto tradimento, affinché la gente sappia che chi colpisce l’Italia non la fa franca».