Articoli

Stampa

Immigrazione, Rampelli: Kyenge scopre ora problema, nessun risultato da suo governo

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

“Cecile Kyenge, dopo essere stata per settimane il ministro della sobillazione e dei pregiudizi ideologici, più che dell'integrazione, ora invoca l’aiuto dell’Europa per far fronte a un'immigrazione che mai si è scatenata come in questi mesi. Cosa sta facendo il Governo del quale fa parte per imporsi con Bruxelles e mettere un freno a un fenomeno che non riguarda l’Italia ma tutta l’Unione?

Stampa

Berlusconi, Rampelli: Battaglia centrodestra su giustizia sarà più autorevole con nuova leadership

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

"La battaglia di civiltà per riformare la giustizia, spoliticizzarla, renderla più autorevole e tempestiva potrà essere condotta meglio e con risultati più efficaci quando ci sarà un nuovo centrodestra con una nuova leadership. Piaccia o meno questa è la verità. Anche per questo la solidarietà umana a Berlusconi corre parallela rispetto all'urgente necessità di dare un altro impulso al centrodestra italiano e costruire una nuova prospettiva per l'Italia".

Stampa

Immigrazione, Rampelli: Bossi-Fini va migliorata, non messa in discussione

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

“Le uniche modifiche possibili alla Bossi-Fini sono quelle per farla funzionare meglio. L'Italia non può essere il ventre molle del continente ma, proprio per la sua posizione geografica, deve perfezionare il modello di contrasto all'immigrazione irregolare, rendere più incisiva la lotta conto i trafficanti di clandestini, migliorare l'accoglienza per i veri rifugiati e rispedire a casa finti rifugiati e delinquenti, integrare gli stranieri che  rispettano le leggi, le consuetudini, i valori della nostra comunità oltre che rientrano nel calcolo dei flussi.

Stampa

Centrodestra, Rampelli: "Su ticket Meloni-Tosi giustificata agitazione PdL"

Scritto da Super User. Postato in Notizie 2013

"C'è una giustificata agitazione tra i cugini del PdL sul ticket Meloni-Tosi. Due persone che hanno un gradimento e una stima che possono tradursi in breve tempo in popolarità, anche in considerazione dell'ostinazione della neo Forza Italia a non voler funzionare, non voler fare ricambio, non lasciare che il progetto di un movimento sia costruito dalle persone e non attraverso sondaggi e call center. E Formigoni ancora non sa cosa accadrà di qui a pochi mesi..."